Focus

Sanchez ha portato nuova qualità all’Inter, Eriksen ancora no: il punto

Sanchez e Eriksen erano i due giocatori che a gennaio potevano dare qualcosa di più all’Inter in termini di qualità. Il cileno ha risposto alle necessità, il danese ancora no.

DUE NEL MIRINO – Tanto tempo fa, addirittura prima del Covid, l’Inter aveva bisogno di cambiare lo spartito del suo gioco, diventato troppo monotono e leggibile. In particolare servivano fantasia e qualità. Di conseguenza due giocatori erano chiamati a rispondere all’appello: Sanchez e Eriksen. Finito il campionato e con l’Europa League alle porte come sono andate le cose?

CRESCITA POST COVID – Partiamo da una certezza. Sanchez ha risposto. Forte e chiaro. Il cileno ha approfittato della sospensione per recuperare definitivamente dal problema alla caviglia e nel post Covid si è presentato pronto. In 8 partite su 12 ha giocato titolare e ha prodotto più di tutti a livello di gol e assist cumulati con 10 (7 assist, 3 gol). In Serie A, non all’Inter. Diventando il miglior assistman nerazzurro. E questo non dice nemmeno tutto del suo impatto sul gioco. Il numero 7 è diventato un riferimento per l’uscita della palla. Ovviamente non come Lukaku, ma a modo suo, con movimenti e tecnica. Una crescita impetuosa, un vero e proprio ritorno, fondamentale per la squadra. Conte insomma ha un giocatore nuovo. Anche per il futuro visto che è arrivato l’accordo col Manchester United. E anche l’accelerazione in questo dice molto sul rendimento di Sanchez, visto che la sua conferma è stata in bilico per mesi e mesi. Con l’Europa League nel mirino.

ENIGMA AMLETICO – Più complesso il discorso su Eriksen. Il danese fin dal suo arrivo è stato al centro di mille discussioni. Su ruolo, condizioni fisiche, necessità di adattamento sia alla Serie A che al calcio di Conte. Nel post Covid il tecnico ha varato il 3-4-1-2 per inserirlo nel suo contesto tecnico ideale. Ma la cosa ha funzionato poco. Due partite per la precisione, col Napoli in Coppa Italia e con la Sampdoria. Poi qualche sprazzo, idee di regia, ma in generale il numero 24 si è perso di nuovo, e sono ricominciate le mille discussioni. Eriksen ha chiuso la Serie A con 2 minuti, contati, nelle ultime due partite. E per di più contro l’Atalanta Conte è tornato al 3-5-2, quel modulo in cui a quanto pare il danese proprio non può giocare. Il suo futuro quindi è sempre più un punto interrogativo. La sua qualità, anche nei piazzati, può fare la differenza in partite secche. Ma oggi Eriksen non ha dato le risposte che servivano. Ed è “solo” un’alternativa. Forse per Conte nemmeno così di lusso.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh