EditorialiPrimo Piano

Conte vuole restare all’Inter e l’Inter vuole Conte: questo è il problema, oggi

Conte e l’Inter fanno (stra)parlare del loro ottimo rapporto. Soprattutto ora che è anche vincente. Se ne dicono e scrivono tante sulla vicenda, in realtà non è (ancora) cambiato nulla dalla situazione di partenza. L’ultima parola non spetterà né all’allenatore né alla società, ma è la terza parte coinvolta a decidere per tutti. E per questo bisogna pazientare un altro po’

PAROLE, PAROLE, PAROLE – Il problema è quando Antonio Conte parla e tutti possono interpretare a piacimento le sue parole. Anzi no, il problema è se Conte non parla, perché tutti interpretano liberamente i suoi pensieri. Le parole mai dette. Vivere questi giorni di festa, se si è interisti, non è facile. Ma se non si è interisti lo è ancora di meno. Lo abbiamo pensato, lo abbiamo scritto: c’è qualcosa di particolare nell’aria e chi vuole male all’Inter non lo nasconde (vedi focus). Nel 2020 le ultime conferenze stagionali di Conte – tra Bergamo e Colonia – hanno mandato in tilt il sistema. C’è da (ri)fare mea culpa, perché in quel momento la situazione sembrava realmente assurda e qualche considerazione sbagliata – di pancia – è stata fatta. Invece è bastato pochissimo per fare chiarezza. E non c’entra nulla né l’incontro di Villa Bellini né la vittoria dello scudetto, attenzione. Oggi Conte è libero di presentarsi in sala stampa o meno. Ed è libero di rispondere a ciò che vuole, come vuole, quando vuole. Come nel caso della vigilia dell’attesissima Juventus-Inter (vedi dichiarazioni). Tanto a nessuno interessa realmente ciò che ha da dire, l’interpretazione – fantasiosa e sempre negativa – è premeditata. Non si può pretendere rispetto senza darlo, però.

MATRIMONIO NERAZZURRO – A distanza di mesi non è cambiato nulla, davvero (vedi editoriale). Conte vuole restare all’Inter per vincere ancora. E l’Inter vuole la conferma di Conte sulla sua panchina per continuare a vincere. Questo è il problema, oggi. Quello che dall’esterno fa montare polemiche che non esistono e all’interno fa distogliere l’attenzione dalle priorità. Accostare nuovamente la parola “vittoria” all’Inter fa paura all’ambiente esterno e forse anche a parte dell’ambiente interno. Ma quello è un altro tipo di paura, diciamo positiva. Paura di fare il passo più lungo della gamba. Per fare un esempio, restando in tema con la partita di domani, è la paura di alzare l’asticella prendendo Cristiano Ronaldo “primadonna” nello spogliatoio e poi ritrovarsi con Andrea Pirlo “parafulmine” in panchina. La Juventus sta pagando quell’errore sulla sua pelle, ma per l’Inter è diverso. È diverso perché ora Beppe Marotta sta dall’altra parte (vedi editoriale). Aprire un nuovo grande ciclo nerazzurro è impegnativo e impone degli investimenti, lo sanno tutti. Forse anche altri sacrifici. Ma prima di tutto, impone chiarezza sugli obiettivi condivisi. Per celebrare un matrimonio non servono solo gli sposi, che a Milano ci sono: Conte da una parte, l’Inter dall’altra. Per celebrare un matrimonio serve anche una terza parte che legittimi l’atto e sancisca il rapporto di unione in quanto tale. Quella terza parte oggi può essere identificata, volgarmente, nel bilancio aziendale che “deve quadrare”. Sono le regole del calcio business, a cui è necessario sottostare per essere protagonisti. Ma nessuno metta in dubbio l’ottimo rapporto instauratosi tra i due sposi sopracitati, che non vogliono dividersi sul più bello. Oggi Conte, felice e interista, è un problema solo per gli altri. Aspettando la prossima puntata.

Inter, la «caciara» che dà fastidio e i problemi di altri che non fanno notizia

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh