Mondo Inter

Serie A, dal 22 agosto stadi al 50%? Domani riunione del governo

La questione riapertura stadi continua a tenere banco in Serie A. Le società spingono per la riapertura totale degli impianti mentre il governo e le autorità invitano alla calma. Ecco quali sono le possibilità di rivedere i tifosi allo stadio. 

CTS E GOVERNO – Domani potrebbe essere una giornata importante per la questione riapertura stadi. A Palazzo Chigi infatti si terrà una riunione tra il governo e i vertici del Cts (Comitato Tecnico Scientifico). Qui si delineeranno le nuove linee guida che il paese dovrà seguire nelle prossime settimane e prossimi mesi. Ovviamente sul tavolo ci finirà anche la questione legata alla riaperture degli impianti con la possibilità di riaccogliere i tifosi. Il dibattito si terrà ovviamente sulla possibilità di sfruttare il famoso Green Pass per permettere alle persone di assistere alle manifestazioni. Ovviamente se il Green Pass fosse reso indispensabile per accedere agli impianti questo potrebbe agevolare due aspetti chiave: la campagna vaccinale e la sicurezza delle riaperture degli stadi.

PERCENTUALI IN VISTA – La speranza della Lega Serie A e della Figc è quella di vedere fin dal 21-22 agosto (vedi articolo), prima giornata del nuovo campionato, il 100% dei tifosi sugli spalti. Un’ipotesi molto, molto difficile. Euro2020 ha permesso di accogliere allo stadio Olimpico il 25% della capienza e l’obiettivo è quello di confermare questa percentuale per la prima giornata per gli altri stadi d’Italia. Ma non è da escludere la possibilità di alzare questa percentuale al 50% per poi salire, nei mesi successivi (se gli scenari lo permetteranno), al 100% della capienza. L’Inter, come confermato da Marotta (vedi articolo), spera che le decisione che verranno prese siano volte verso le riaperture per recuperare i circa 100 milioni di euro persi dai botteghini in questo anno e mezzo di chiusure.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button