Mondo Inter

Palmeri: “Inter al 90′ senza benzina. Da Conte due accuse gravi”

Tancredi Palmeri ha analizzato Brescia-Inter di domenica sera nel suo editoriale per il sito “TuttoMercatoWeb”. Il giornalista trova dalle parole di Conte (vedi articolo) una critica non tanto alla società, quanto ad alcuni giocatori e all’organizzazione della Serie A.

SOFFERTISSIMA – “L’Inter ha stroncato il Brescia arrivando al novantesimo con gli occhi fuori dalle orbite e il fiatone di chi non ricorda una partita tranquilla da quando c’era ancora il Muro di Berlino, Antonio Conte aveva già tutti i capelli, e il suo allenatore era Carlo Mazzone che invece i capelli probabilmente non li ha mai avuti (era il 1988). Ha fatto il primo tempo che doveva fare l’Inter, producendo gioco ma non avendo molto ritmo, arrivando ad avere il 74% di possesso, ma sottovalutando nel secondo tempo il rientro veemente del Brescia, e probabilmente non avendo semplicemente più benzina per correre, come testimonia del resto la prima partita negativa di Nicolò Barella – l’unico finora che non si era mai preso una vacanza dal produrre una prestazione all’altezza. Sono arrivati tutti con la lingua di fuori, il che conferma i timori post-Parma di Conte («rosa corta, dobbiamo adeguarci») che non erano minimamente una critica alla società, ma semplicemente un ricordare la realtà dei fatti per non farsi prendere dall’entusiasmo”.

LE CRITICHE – “Certo, stante questa situazione, stupisce allora che Conte abbia effettuato solo due sostituzioni. Ma evidentemente vuol dire che i quattro giocatori di movimento dal centrocampo in su che sono rimasti in panchina – Federico Dimarco, Valentino Lazaro, Borja Valero e Matteo Politano – non sono semplicemente ritenuti all’altezza per fare venti minuti finali in una partita di sofferenza. Il che è un’accusa grave. Ma ancora più grave è l’accusa velata di Conte a chi compila i calendari, ovvero la Lega Serie A: «Facciamo sette partite in 20 giorni, non si è mai visto. Capita in ventuno, o ventidue giorni, a noi invece addirittura venti giorni». Evidentemente in queste condizioni anche ventiquattro ore in più di riposo sono ritenute capitali, e allora effettivamente la società Inter dovrebbe farsi sentire se fosse così, e non lasciare che debba toccare a Conte di muovere la questione. Certo è sembrato strano che l’Inter fosse l’unica italiana a scendere in campo di sabato contro il Parma dopo aver giocato in Champions League di mercoledì”.

Fonte: TuttoMercatoWeb.com – Tancredi Palmeri

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.