FocusPrimo Piano

Conte, il suo esonero sarebbe controproducente per 3 motivi

Conte pagherà il fallimento europeo con l’esonero? Ci sono almeno tre motivi per i quali la separazione sarebbe controproducente, per l’Inter.

BILANCIO – Il primo motivo per escludere un eventuale esonero di Antonio Conte è di natura economica. Ed è un ritornello che si ripete sin dallo scorso agosto, dal celebre incontro di Villa Bellini tra il tecnico e la società Inter. A libro paga è ancora iscritto il nome di Luciano Spalletti: percepirà 4,5 milioni fino al prossimo giugno. Conte ne prende addirittura 12, e il suo contratto è valido fino al 30 giugno 2022. Esonerarlo imporrebbe alla società di assumere quindi un terzo tecnico. A livello economico, l’unica scelta percorribile sarebbe una soluzione low cost, imitando quanto fatto dalla Juventus con Andrea Pirlo. Opzione che però obbliga a una profonda revisione delle aspettative. E qui sovviene il secondo deterrente all’esonero di Conte.

FIDUCIASteven Zhang, presidente dell’Inter, è stato esplicito qualche settimana fa. L’Inter crede fortemente nel suo tecnico, lo ha scelto per raggiungere certi obiettivi, e la fiducia è totale. Dopo anni di assestamento, Suning ha affidato la guida societaria a Giuseppe Marotta. Che, forte dell’esperienza a Torino, nell’estate 2019 ha assunto il miglior allenatore disponibile sulla piazza. La proprietà è convinta che Conte sia il tecnico giusto per riportare l’Inter dove merita. E se anche questa fiducia venisse meno, è opportuno tornare al paragrafo sopra.

ALTERNATIVE – Infine, l’ultima ragione per escludere un possibile esonero di Conte. Ammesso e non concesso che l’eliminazione ai gironi di Champions League sia percepita come un’onta inenarrabile dalla società, quali sono le alternative disponibili? Quali sono i grandi nomi di allenatori attualmente liberi di firmare con l’Inter? Il nome che sovviene è solo uno, ed è lo stesso che torna fuori ad ogni minima millantata crisi dei nerazzurri: Massimiliano Allegri. Anche lui gode di un ottimo rapporto con Marotta, che avrebbe terreno fertile nel convincere Suning a sostituire Conte con Allegri. Ma, anche qui, è necessario tornare al punto 1. Allegri, infatti, percepiva 7,5 milioni netti all’anno nell’ultima stagione alla Juventus (fonte: Calcio e Finanza).

COMPATTEZZA – Volendo quindi tirare le somme, un eventuale esonero di Conte avrebbe un rapporto costi/benefici negativo. Il vero obiettivo stagionale dell’Inter è lo scudetto, e solo la mancata vittoria di questo trofeo potrebbe far emettere un giudizio fallimentare sulla seconda stagione di Conte. Pertanto, società e allenatore si siederanno di nuovo a parlare a giugno, eventualmente. Prima di allora, proprietà, dirigenza, tecnico e giocatori dovranno fare quadrato e procedere uniti, in nome del bene comune.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh