Mondo Inter

De Paola: “Eriksen? Ho letto che può andare al Cagliari! Conte rianalizzi”

Eriksen continua a essere un punto interrogativo nella stagione dell’Inter. Domani i nerazzurri giocheranno a Cagliari, e non è affatto certo che il danese possa partire titolare. Secondo il giornalista Paolo De Paola, ospite di “Aspettando il weekend”, visto l’ostracismo di Conte i prossimi avversari potrebbero diventare la sua prossima maglia.

DOVE VAPaolo De Paola lancia, non si capisce quanto ironicamente, un’ipotesi: «Christian Eriksen può andare al Cagliari? Ho letto oggi una cosa del genere… Devo dire che è mortificante questa cosa. Lo confesso: io non mi aspettavo un atteggiamento così cocciuto e indisponente di un allenatore. La polemica di Antonio Conte a Sky? Non può comportarsi in quel modo: a quel livello deve saper gestire la rabbia, e di questo mi indigno. Certo, hai la testa che ti esplode e vorresti dire mille cose, ma devi gestirti: devi dare ogni tanto, non sempre, delle spiegazioni tecniche. Che risposta è dare una colpa allo Shakhtar Donetsk perché ha cambiato? Sono stati intelligenti. Non c’è mai una motivazione tecnica che non sia quella della rabbia: mi sembra poco».

LE SCELTE – De Paola critica alcune certezze di Conte: «Roberto Gagliardini gioca al posto di Eriksen, secondo me, ma io metterei sempre Eriksen in campo. Senza nulla togliere a Gagliardini se quello è il modello per una squadra muscolare, che Conte non riesce a togliersi dalla testa, mi sembra sbagliato. Io esco da qualsiasi tipo di alibi: l’Inter, per salvare la stagione e tutte le premesse che ci sono state, deve vincere lo scudetto. I giocatori devono avere questo obiettivo: qualsiasi altro traguardo, oltre a questo, è un fallimento della stagione perché la Champions League peserà tantissimo. Non c’era il biscotto dall’altra parte, l’ha persa lui: 2-0 dall’altra parte, sei tranquillo e la devi vincere».

FISSAZIONE – De Paola non capisce: «Possibile che si debba per forza affidare a questo gioco muscolare? La differenza non è quella tecnica, ma il dribbling sull’uomo. C’è un’idea che secondo me Conte dovrebbe rianalizzare. Non è vero che a centrocampo non può esserci una luce: quella luce, se dovesse essere Eriksen, va difesa. Inutile che metti muscoli e panzer: contro lo Shakhtar Donetsk si è visto che è mancata la qualità del lancio e del piede nel tiro. Eriksen, in quei cinque minuti, ha fatto bene: perché rinunciare alla qualità?»

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh