Mondo Inter

Bonan: «Osimhen può essere il Lukaku del Napoli! Inter, una è la forza»

Napoli-Inter si avvicina ed è già tempo di paragoni tra i due uomini copertina: Osimhen da una parte e Lukaku dall’altra. Alessandro Bonan – ospite negli studi di “Sky Sport” – si sbilancia sull’attaccante azzurro e avverte gli uomini di Gattuso sulla forza principale della squadra di Conte

INSIDIE Napoli-Inter è il big match della trentunesima giornata di Serie A. Una sfida che secondo Alessandro Bonan nasconde un’insidia in particolare per gli uomini di Gennaro Gattuso: «Questa è una bellissima partita, due squadre in forma con caratteristiche diverse. L’Inter all’andata ha fatto giocare il Napoli ma era in una fase in cui sbagliava molto, il Napoli non ha mai fatto fatica a creare occasioni da gol ma non riusciva a concretizzare. Ora con Victor Osimhen ha qualche carta in più. L’Inter ha tante certezze, tra queste c’è la difesa. Ciò che deve preoccupare il Napoli non è quante volte l’Inter vada in attacco, in realtà credo che la forza di una squadra si misuri in base alle minacce che riesce a creare perché ogni volta che attacca l’Inter crea delle opportunità per far gol».

CONFRONTO – Napoli-Inter sarà anche l’occasione per un confronto tra i due uomini più rappresentativi: «Osimhen-Romelu Lukaku? Credo che il primo oggi rappresenti quella cosa in più che mancava al Napoli – afferma Bonan -, una sorta di punta di veleno. Con Lukaku siamo di fronte a una certezza assoluta, sono due attaccanti che vedrei bene anche insieme: forza fisica, corsa, intraprendenza e tecnica. Diciamo che in prospettiva direi che Osimhen può essere il Lukaku del Napoli. Per l’Inter sono stati decisivi due fatti: la dedizione di Milan Skriniar nel seguire Antonio Conte (QUI le dichiarazioni dello slovacco) e una squadra che si è protetta un po’ di più, abbassandosi leggermente non rischiando più di prendere gol a ogni ripartenza avversaria».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button