Focus

Inzaghi e la prima con l’Inter a San Siro: umiltà, identità e feeling. Oggi il test in trasferta

C’era tanta curiosità per vedere l’esordio dell’Inter di Inzaghi in questo campionato. Non solo per la disposizione della squadra e per il risultato finale contro il Genoa, ma anche per lo stesso allenatore. Arrivato sulla panchina nerazzurra in maniera burrascosa e repentina dopo l’addio di Conte. E oggi è pronto a debuttare in trasferta dopo i primi tre punti stagionali.

APPROCCIO UMILE – L’approccio di Simone Inzaghi con la realtà nerazzurra si è contraddistinto per parole sempre soppesate col misurino e per i piedi saldamente a terra. Nel corso dell’estate Inzaghi ha pronunciato pochi proclami. Anche comprensibilmente visto l’umore del tifo (e probabilmente anche il suo) di fronte alle illustri cessioni operate dalla dirigenza nerazzurra. Questo non ha però vietato al tecnico di apprezzare la rosa a sua disposizione, mettendo al centro una salda cultura del lavoro piuttosto che inopportune esaltazioni.

LA PRIMA INTER – L’esordio contro il Genoa ha mostrato i frutti della cultura del lavoro estivo. Le annunciate difficoltà societarie hanno evidentemente rinsaldato il legame tra i giocatori, come dimostrato dalle uscite mondane degli ultimi giorni. Ma hanno anche permesso a Inzaghi di lavorare per ben quaranta giorni sul campo. Il risultato? Un’Inter già fluida e piacevole, con giocatori che si interscambiano a piacimento e che sembrano aver già assimilato i nuovi dettami tecnico-tattici, comunque non troppo dissimili da quelli messi in pratica nel biennio con Conte.

CON LA CURVA – Tra Inzaghi e la Curva Nord è già scattato un feeling positivo, con dei cori rivolti dai sostenitori nerazzurri verso il nuovo tecnico dell’Inter, che a sua volta ha ringraziato con un cenno i tifosi e il loro supporto. Un supporto che vuole dimostrare la fiducia nel nuovo corso nerazzurro, nato in mezzo a tante difficoltà. Molte di queste poco accettabili. Un attaccamento, simile a quello che si sta notando all’interno della squadra, che potrà risultare decisivo nel prosieguo della stagione e nel momento delle difficoltà. Oggi a Verona, nella prima trasferta stagionale, i tifosi nerazzurri sono più carichi che mai per sostenere l’Inter di Inzaghi. Con un Joaquin Correa in più e tre punti già conquistati in Serie A (vedi classifica).

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button