Gravina: “Non si chiude la Serie A? Play-off o un algoritmo sulla classifica”

Articolo di
30 Maggio 2020, 14:32
Gabriele Gravina presidente FIGC Gabriele Gravina presidente FIGC
Condividi questo articolo

Gravina, presidente della FIGC, ha concesso un’intervista ai microfoni di “Sky Sport” in cui ha parlato della ripartenza del calcio italiano (QUI la prima parte)

IPOTESI PLAY-OFF PER IL PROSSIMO CAMPIONATO? – Gravina è fiducioso che il prossimo campionato, con gli Europei in estate, non avrà problemi di intasamento: «Diciamo che se il campionato è in grado di partire, il 12 settembre andando a intensificare alcune date nel periodo della sosta invernale dovremmo chiudere nei tempi giusti. L’articolo 118 del decreto legge consente alla FIGC e al Consiglio di adottare delle modalità di format differenti. L’auspicio è che si riprenda con le stesse modalità che ben conosciamo, ma siamo pronti a valutare soluzioni alternative».

NESSUN MOTIVO POLITICO – Gravina spera che nelle tensioni di questi mesi non ci siano state volontà politiche: «I nomi li tengo per me, è un rapporto mio personale, ma sono abbastanza evidenti i rapporti e i confronti che ci sono stati in questo periodo. Voglio escludere qualunque tipo di riferimento a contrasti politici perché sarebbe gravissimo. Non per me, io riesco ad avere una buona capacità di incasso e assimilo bene gli attacchi. Mi dispiacerebbe per il calcio italiano. Il calcio è uno dei riferimenti importanti dello sport italiano, ha una funzione importante non solo economica. Il calcio ha una multidimensionalità che merita rispetto. Vorrei essere particolarmente ottimista nel pensare che tutto quello che c’è stato abbia avuto solo ragioni di natura tecnica. Alcune ci sono stati, io per primo ho riconosciuto che il mio agire era di grande determinazione e prudenza legato alla tutela della salute. Se questo era il primo riferimento che ci ha impedito comunque di poter affrontare prima la ripartenza, credo sia condivisibile. Altre ragioni sarebbero da censurare».

CHE SOLUZIONI ALTERNATIVE – Gravina parla delle soluzioni se non si potrà finire il campionato – «In tanti hanno invocato il piano B, ma andava al di là delle esigenze di natura tecnica. Il nostro piano B è un piano strutturale, molto chiaro, contenuto all’interno di una delibera che prevede, in caso di momentanea sospensione della stagione regolare e della impossibilità di continuare a completare il campionato per quanto riguarda la stagione, di far ricorso a play-off e play-out. Un format più contenuto e leggero per garantire un risultato. Nel caso in cui il campionato dovesse essere sospeso definitivamente bisognerà ricorrere a un algoritmo che terrà conto di diversi fattori, legato sempre ai risultati sul campo ed elementi oggettivi della classifica per arrivare comunque alla definizione di questo campionato. Ci sarà la cristallizzazione della classifica e si farà ricorso a un algoritmo che proietta la fine del campionato».

REBUS DATE – Gravina parla delle date delle categorie inferiori e del calcio femminile: «La Lega di Serie A ha fissato la partenza il 20 agosto insieme alla B. La Serie C ha un’ipotesi al 28 giugno e non partirà probabilmente con i play-off e i play-out. Anche questo l’8 giugno sarà oggetto di riflessione. Per quanto riguarda il calcio femminile mi piacerebbe che la Serie A trovasse una conclusione. Sarebbe un momento di grande esaltazione per il movimento, di rispetto e pari dignità. Stiamo accompagnando tutto il movimento femminile per far sì che partendo dai primi di luglio possa chiudere il campionato».

IL TEMA CONTRATTI – Gravina parla infine della scadenza dei contratti: «Quello dei contratti è un tema delicato. La FIFA ha dato indicazioni a cui ci siamo attenuti. C’è stato un incontro tecnico e stiamo cercando di arrivare a un accordo tra le parti per arrivare a una piccola modifica dell’accordo collettivo che prevede una possibilità di proroga dei contratti fino alla scadenza dei campionati».



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.