Primo Piano

Conte insiste sul 3-5-2 ma Perisic fa il terzino: l’Inter riparte dalla disciplina

Conte sta registrando la sua nuova vecchia Inter senza cambiare i singoli. Il lavoro fatto nell’ultimo periodo sul doppio regista è uno step iniziato da lontano, perché è sulle fasce che è avvenuta la vera rivoluzione. E oggi a sinistra c’è un altro Perisic

NON SOLO NUMERI – In estate nessuno ci puntava ma a stagione in corso la trasformazione è stata necessaria. La prima modifica tattica di Antonio Conte consiste nel cambio del sistema di gioco. Abbandonato il modulo che prevedeva il finto trequartista a fare da raccordo tra centrocampo e attacco (3-4-1-2), l’Inter è tornata al più tradizionale sistema con la doppia mezzala (3-5-2). Ma non è stato automatico né semplice. A rendere possibile questa soluzione è stato il nuovo approccio tecnico al ruolo di mezzala, ora più attenta alla fase difensiva per reggere la rivoluzione sulle fasce. Ed è qui che Conte ha messo insieme il lavoro più importante per elevare l’Inter nella doppia fase.

ESTERNI OFFENSIVI – La scelta di puntare su Achraf Hakimi sulla destra faceva presuppore un approccio spregiudicato. Più che un 3-5-2, un 3-4-3 sbilanciato dalla spinta sul lato dell’esterno marocchino. Un “problema” che inizialmente è rientrato schierando un esterno sinistro con caratteristiche e compiti prettamente difensivi (Ashley Young). Un problema irrisolto, perché la fascia mancina è diventata quella debole. Nel frattempo i test fatti da Conte su Ivan Perisic a tutta fascia non hanno dato i risultati sperati. L’idea di attaccare a pieno organico (3-3-4) grazie ai due esterni di spinta ha tolto molte sicurezze alla fase difensiva dell’Inter. E si è visto, purtroppo.

DISCIPLINA TATTICA – Per settimane, partita dopo partita, qualsiasi scelta fatta sulla fascia sinistra è stata un fallimento. Registrata la difesa a tre e ritrovata compattezza in mezzo al campo, Conte si è spinto oltre per risolvere questo bug tecnico-tattico. Nelle ultime uscite la trasformazione sembra completa perché, insieme all’inamovibile Hakimi sulla destra, è stato riproposto Perisic sulla sinistra. Ma un Perisic diverso, non più ala. L’esterno croato sta facendo il terzino giocando a centrocampo. Il 3-5-2 di Conte non si tocca, ma si è tornati a parlare di 5-3-2 grazie al lavoro difensivo fatto dagli esterni. Qualcosa che l’anno scorso veniva fatta da Danilo D’Ambrosio e Young (o Cristiano Biraghi), invece adesso da Hakimi e Perisic. Un 3-5-2 che oggi sa essere 5-3-2 quando serve ma non dimentica di poter essere 3-3-4. Il salto di qualità tecnico-tattico l’Inter lo sta facendo solo ora, sulle corsie laterali. Sperando i sacrifici siano produttivi fino a fine stagione, perché tutta questa disciplina tattica ha un obiettivo ben preciso. E Perisic vuole consacrarsi anche in Italia.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh