Primo Piano

Castaneda avvisa l’Inter: «Qualificazione possibile. Siamo una squadra!»

Castaneda, attaccante dello Sheriff Tiraspol questa sera avversario dell’Inter, intervistato dal Corriere dello Sport a firma di Andrea Ramazzotti, ha parlato della sfida di questa sera facendo riferimento al girone di UEFA Champions League e quanto di buono visto finora.

IN CHAMPIONS Frank Castaneda, capitano e attaccante dello Sheriff Tiraspol, prima di parlare della sfida in programma oggi, ha detto la sua riguardo i sorteggi di UEFA Champions League e del momento della squadra: «Cosa ho pensato dopo i sorteggi? Ho provato una grande felicità perché è bello avere la possibilità di affrontare top club come l’Inter, il Real Madrid e lo Shakhtar. Fin dall’inizio abbiamo puntato sul lavoro duro perché sapevamo che era l’unico modo per far bene contro queste rivali. Ammetto che vincere con lo Shakhtar e il Real è stato un sogno che si è trasformato in realtà. Due imprese del genere ci hanno convinto ancora di più di poter fare grandi cose. In campo ci appoggiamo l’uno all’altro, cerchiamo di fare risultato, diamo tutti il massimo e nessuno risparmia una corsa per il compagno. Siamo una squadra nel vero senso della parola».

CONTRO L’INTERCastaneda parla dell’Inter e di San Siro: «Con Inzaghi l’Inter gioca meglio e mostra un calcio più fluido, da grande squadra. Dovremo fare attenzione alle loro transizioni e contrattaccare quando sarà possibile. Chi temo di più? Lautaro Martinez è un grande e nell’Argentina segna sempre. In tv studio spesso i suoi movimenti: è agile e intelligente, uno di quelli che se te lo dimentichi, ti può ammazzare in un secondo. Bisognerà controllare sia lui sia Dzeko. San Siro? Nessuno di noi ci ha mai giocato e sarà per tutti una esperienza nuova. Anzi, un sogno che diventerà realtà esattamente come successo quando siamo andati al Bernabeu. Io San Siro in tv l’ho visto tante volte quando seguivo l’Inter del triplete in cui c’era il mio connazionale Cordoba».

PRIMI NEL GIRONE – Castaneda parla del girone e ritiene che le due big siano ancora le favorite per il passaggio del turno: «Real Madrid e Inter sono ancora le favorite, Noi abbiamo avuto fortuna a Madrid, ma il Real e l’Inter sono due squadre fortissime, due club dalla grande tradizione. Sarà dura tenerle alle nostre spalle. Qualificazione agli ottavi? Credo che sia un traguardo possibile se continueremo a lavorare molto duramente. Dobbiamo far risultato contro l’Inter e non sarà facile perché avremo di fronte i campioni d’Italia».

Fonte: Corriere dello Sport – Andrea Ramazzotti

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button