Mondo Inter

Cruz: «Inter, un derby indimenticabile per me! Vi racconto il vero Ibrahimovic»

Cruz si prepara ad assistere all’ennesimo Milan-Inter della sua vita, ormai da oltre un decennio non più da protagonista in campo. L’ex attaccante dell’Inter, intervenuto in collegamento con “Pomeriggio Sky Sport 24” su Sky Sport 24, ricorda il suo Derby di Milano preferito e racconta il “vero” Ibrahimovic

GOL LAMPO – Dei quattro gol segnati a San Siro nella stracittadina, Julio Cruz ne ricorda uno in particolare: «Tutti i Derby di Milano vissuti erano una cosa speciale per la città e i calciatori, sia dell’Inter sia del Milan. Ma quello più bello è quando sono entrato – perché ero in panchina e Roberto Mancini mi ha mandato in campo – e dopo 11-15 secondi ho fatto il gol del pareggio. Perdevamo 1-0 con gol di Ronaldo… Quello è stato il derby più bello per me! Perché abbiamo vinto con gol di Zlatan Ibrahimovic. Quando parlo con i tifosi interisti mi chiedono sempre: “Se fosse entrato quel colpo di tacco…?”. Eravamo tutti contenti e felici per aver fatto quella rimonta!».

Cruz e Ibrahimovic all’Inter: prima compagni, ora “avversari”

IL VERO IBRA – Proprio sull’attaccante svedese si concentra Cruz: «Con Ibrahimovic ci siamo divertiti! Abbiamo vinto uno scudetto giocando quasi tutto il campionato noi due. Ci siamo divertiti in campo, perché tutti dicevamo che non potevamo giocare insieme perché eravamo più o meno simili. Quell’anno è stato bellissimo, perché abbiamo fatto tanti gol, sia io sia lui. Non ho capito perché ha preso la maglia numero 8, ma non mi ha mai chiesto la 9 (sorride, ndr). Non me lo aspettavo ancora oggi in campo, ma gli faccio davvero i complimenti. Arrivare a 40 anni come sta lui è incredibile! Non farà piacere ai tifosi interisti, ma vedergli fare il gol su punizione l’altro giorno mi ha fatto piacere. Perché è un ragazzo in gamba, che ha sempre lavorato. Anche se chi non lo conosce dice che è un po’ arrogante, invece è un ragazzo per bene e un grandissimo giocatore. Edin Dzeko? Mi piace, sì».

ATTACCO STELLARE – Infine, non manca il momento amarcord offerto da Cruz ai tifosi nerazzurri: «All’Inter ai miei tempi c’erano Adriano, Hernan Crespo, Ibrahimovic, Obafemi Martins, Alvaro Recoba, Christian Vieri e io… per due posti! Era normale che qualcuno andasse in panchina, ma io cercavo di farmi trovare pronto quando chiamato. E mi è andata bene, perché ho cercato sempre di fare il bene per la squadra. Prima all’Inter c’erano tantissimi giocatori importanti, in tutti i ruoli e non solo in attacco, ma anche nel Milan. Ho vissuto un calcio bellissimo in Italia, con tantissimi grandi calciatori».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button