Roma specchiata, i problemi per l’Inter di Conte arrivano dal “passato”

Articolo di
18 Luglio 2020, 18:25
Condividi questo articolo

La Roma di Fonseca ha un solo risultato per continuare a sognare un posto in Champions, almeno matematicamente. Lo stesso può dirsi dell’Inter di Conte, vogliosa di conquistare il pass andando a -3 dalla vetta alla vigilia di Juventus-Lazio. A livello tattico sarà interessante l’uno contro uno a ridosso dell’area di rigore e soprattutto sulle fasce

SPECCHIO TATTICO – La descrizione tattica l’ha fatta lo stesso Antonio Conte nell’intervista della vigilia (vedi dichiarazioni). La Roma di Paulo Fonseca ha cambiato identità. E modulo. I giallorossi sono pronti ad affrontare l’Inter con la stessa difesa a tre che è ormai marchio di fabbrica per Conte. Uguale anche il centrocampo a quattro, con due esterni a tutta fascia. E probabilmente sarà lo stesso anche il tridente offensivo, dato che il doppio trequartista utilizzato dalla Roma alle spalle di Edin Dzeko non si discosta poi molto da quello singolo dell’Inter, supportato dal funambolico Alexis Sanchez a tutto campo. Le due squadre si affronteranno allo specchio per non perdere di vista l’obiettivo stagionale. Sarà quasi sicuramente un 3-4-2-1 contro un 3-4-1-2, dettagli. Non sono dettagli quelli relativi ai singoli impiegati, soprattutto dopo che Fonseca ha ammesso di conoscere bene l’Inter di Conte (vedi dichiarazioni). Si prospettano sfide nella sfida.

PRINCIPALI PERICOLI – Oltre al capitano Dzeko, principale spauracchio per la linea a tre guidata da Stefan de Vrij (vedi focus), i giocatori giallorossi da tenere sotto controllo sono quelli citati da Conte. In particolare Leonardo Spinazzola, ex mancato con il dente avvelenato. Il viaggio a vuoto effettuato a gennaio, prima di veder saltare lo scambio con Matteo Politano (rientrato da Roma e finito a Napoli) non è ancora stato metabolizzato dall’esterno mancino stimato da Conte, a cui vuole dimostrare il suo valore. Per farlo proverà a rendere difficile la vita di Antonio Candreva, avversario diretto sulla fascia. E che dire di Nicolò Zaniolo, “scaricato” dopo appena una stagione per arrivare a Radja Nainggolan e oggi stella giallorossa. Dovrebbe partire dalla panchina, avendo recuperato da poco dal lungo infortunio. Un reale passato che ritorna. Degli ex, invece, mancheranno Juan Jesus e Davide Santon, entrambi alle prese con infortuni e problemi vari.




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.