Focus

Serie A – I promossi e i rimandati della quinta giornata

Serie A 2021-22, si è disputata in turno infrasettimanale la quinta giornata di campionato (QUI risultati e classifica). Di seguito i promossi e i rimandati di questo turno.

Con i tre incontri di ieri si è chiusa la quinta giornata del campionato di Serie A 2021-22, disputata in turno infrasettimanale. Continua la corsa del Napoli che travolge la Sampdoria al Ferraris e resta in vetta a punteggio pieno. Tengono il passo Inter e Milan. Alle spalle delle milanisti si posiziona la Roma che torna alla vittoria superando l’Udinese all’Olimpico. La Juventus prova a dare a un calcio alla crisi conquistando la sua prima vittoria sul campo dello Spezia, ma la squadra di Massimiliano Allegri sembra ancora non convincere. In coda primo punto della Salernitana, anche se i campani restano all’ultimo posto in classifica. Di seguito i promossi e i rimandati di questo turno.

SERIE A, QUINTA GIORNATA: I PROMOSSI

NAPOLI – La squadra di Luciano Spalletti non si ferma e sul campo della Sampdoria conferma il suo grande avvio di campionato. I quattro gol al Ferraris sono una prova di forza importante per i partenopei che sono indubbiamente i grandi protagonisti di questo avvio di Serie A. Ancora è presto per fare previsioni, ma il Napoli sembra proprio avere le carte in regola per dire la sua fino alla fine.

INTER – La trasferta sul campo della Fiorentina rappresentava il primo vero banco di prova per i campioni in carica della Serie A. L’esame del Franchi è stato superato dalla squadra di Simone Inzaghi, capace di soffrire in un primo tempo dominato dalla Fiorentina per poi venire fuori nella ripresa. Il carattere e la personalità della squadra sembrano essere rimasti intatti nonostante i terremoti estivi e il nuovo tecnico per adesso si sta dimostrando all’altezza del non facile compito avuto. Nel prossimo turno contro l’Atalanta ci sarà un altro esame decisamente impegnativo, ma questa Inter, a dispetto delle paure estive, non sembra aver intenzione di cedere il trono.

EMPOLI – La classifica dei toscani dopo cinque giornate li vede a sei punti, frutto di due vittorie esterne. Due vittorie esterne decisamente pesanti. Quella sul campo della Juventus nella seconda giornata e quella sul campo del Cagliari in questo turno. La vittoria ottenuta in Sardegna è forse più pesante in quanto ottenuta in uno scontro diretto per la salvezza. L’Empoli dimostra un buon gioco e una solida identità, cose che Aurelio Andreazzoli aveva già dimostrato di saper dare nella sua precedente e sfortunata esperienza ad Empoli. Gli azzurri possono dire la loro per confermare il loro posto in Serie A.

SERIE A, QUINTA GIORNATA: I RIMANDATI

CAGLIARI – Dopo i buoni segnali dati dal pareggio sul campo della Lazio, contro l’Empoli è arrivata una sconfitta casalinga inattesa e dolorosa. Inutile dare delle colpe a Walter Mazzarri che ha bisogno di tempo per rimettere insieme i cocci dell’ennesima stagione nata male in Sardegna. Servirà però un’inversione di rotta il prima possibile per evitare di rivedere gli spettri della scorsa stagione: la rosa è buona, al tecnico il compito di farla rendere nel migliore dei modi.

LAZIO – Non è un mistero che alle squadre di Maurizio Sarri serva del tempo per ingranare, ma la terza partita di fila senza vittorie rappresenta senza dubbio un campanello d’allarme. Ai capitolini serve un rigore in pieno recupero per evitare la sconfitta sul campo di un ottimo Torino e, pensando al pareggio in extremis contro il Cagliari e alla sconfitta contro il Milan, il bilancio di queste ultime settimane è decisamente negativo. Al tecnico serve tempo, ma il treno scudetto corre e così rischia di scappare anche quello per la Champions League. Al prossimo turno ci sarà il derby con la Roma, ottima occasione per il riscatto, ma anche appuntamento da non fallire per evitare che esplodano malumori nella piazza.

SASSUOLO – In casa Sassuolo era probabilmente messa in preventivo una stagione sottotono vista l’ennesima rifondazione e l’ennesima ripartenza con un nuovo progetto tecnico. Ingiusto quindi mettere sulla graticola Alessio Dionisi, tecnico esordiente in Serie A che sta comunque riuscendo a dare un’identità al Sassuolo. Ingiusto anche dare eccessive colpe per una sconfitta di misura in casa dell’Atalanta, ma le sconfitte consecutive ora sono diventate tre e serve al più presto un’inversione di rotta per evitare di ritrovarsi pericolosamente invischiati nella lotta per la salvezza, lidi che il Sassuolo da tempo non è più abituato a bazzicare.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button