Focus

Nota tattica di Juventus-Inter: Dimarco simbolo del cambio di ritmo

Nota tattica, una rubrica che mira a sottolineare un dettaglio, in positivo o in negativo, dell’ultima partita dell’Inter. Dopo Juventus-Inter parliamo dell’ingresso di Dimarco.

DUE ATTEGGIAMENTIJuventus-Inter è partita con un’impostazione tattica ben precisa dei nerazzurri. Inzaghi ha optato per la prudenza, con una squadra più bassa e attenta a coprire gli spazi. Da qui le scelte di Matteo Darmian e Danilo D’Ambrosio tra i titolari. Secondo il report della Lega Serie A nel primo tempo la squadra ha tenuto il baricentro a 48,03 metri, favorita anche dal gol iniziale. Poi però tutto è cambiato. I due gol bianconeri a inizio secondo tempo hanno costretto il tecnico a cambiare atteggiamento per trovare almeno il pari. E il simbolo di questo cambiamento è Federico Dimarco.

NUOVA OPZIONE – Il numero 32 è spesso discusso per i suoi problemi nella fase difensiva pura. Infatti Simone Inzaghi in questa gara lo ha tenuto inizialmente in panchina. Ma come arma in impostazione sa essere importante. E in finale di Coppa Italia è arrivata una conferma di spessore. Il suo ingresso, insieme a Denzel Dumfries e Joaquin Correa, ha di fatto suonato la carica. L’Inter in quel momento ha ripreso in mano il gioco. Tornando a controllare il pallone e alzando il baricentro a 58,43 metri. Ben dieci in più che nel primo tempo. E Dimarco ha iniziato a sgusciare da tutte le parti.

RISORSA OFFENSIVA – Questa è la sua heatmap presa da Sofascore:

Una chiara proiezione offensiva. Non esattamente quella che ti aspetti da un difensore. Nemmeno in un modulo a tre. Dimarco è stato un elemento chiave di Inzaghi per chiudere la Juventus nella sua metà campo. Facendolo alzare su tutta la fascia sinistra ha aumentato le opzioni, dando nuovo sfogo a Perisic, trovando nuovi spazi e nuovi scambi. Spostando la difesa avversaria, costretta a inseguire un uomo in più, ha creato occasioni coi tiri a rimorchio. Al suo attivo in 53 minuti ben 55 tocchi, con 41 passaggi realizzati (93% di precisione), 27 in avanti, 15 sulla trequarti (quarto di tutta l’Inter, a conferma del ruolo offensivo), 2 passaaggi chiave, 2 tiri e un assist. Quello che serviva per scardinare la difesa di Massimiliano Allegri.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh