Inter, Nainggolan e il bivio che vale una carriera: quale futuro per il belga?

Articolo di
6 Settembre 2020, 12:54
Nainggolan Cagliari Nainggolan Cagliari
Condividi questo articolo

Il futuro di Nainggolan è ancora avvolto dalle nubi dell’incertezza. La posizione dell’Inter è piuttosto chiara, ma piazzare il belga si sta rivelando piuttosto complesso. Proprio per questo motivo, l’ipotesi di un reintegro in nerazzurro non va accantonata completamente

INTRIGO – Radja Nainggolan continua a tenere puntati su di sé i fari del mercato. Il 32enne belga, di proprietà dell’Inter, è al centro di una situazione delicata. I nerazzurri, con Antonio Conte in testa, lo considerano ufficialmente un esubero. Nonostante in più di un’occasione si sia sottolineata la cordialità del rapporto col tecnico pugliese, tra Nainggolan e l’Inter c’è una frattura difficile da ricomporre. L’unico legame effettivo tra le parti è costruito sui 4,5 milioni di ingaggio netti che il belga vorrebbe tenersi stretti. Pur di liberarsi di lui, e tagliare col passato, l’Inter aveva accettato di accollarsi gran parte di quella spesa cedendolo al Cagliari in prestito. Dopo una stagione intensa, e una pandemia a far da contorno, sembra tutto fermo sul medesimo scoglio di un anno fa.

PROGETTI E AMBIZIONI – Antonio Conte aveva scelto di fare a meno di Nainggolan senza troppi rimpianti. L’esperienza del belga, con l’Inter, rientra nel novero delle promesse insolute, dei pensieri strangolati fra le labbra e dei malumori mai troppo nascosti. Di Nainggolan all’Inter ci si dimenticherà presto, se non fosse che i nerazzurri hanno urgente bisogno di rimuovere il macigno del suo ingaggio dalle casse del club. Il Galatasaray si è fatto avanti di recente, ma l’opzione Cagliari resta la più credibile per diversi motivi (vedi articolo). Di certo, il tipo di palcoscenico che Nainggolan sceglierà plasmerà anche la sua faretra di ambizioni.

MATRIMONIO (IM)POSSIBILE? – Le priorità di Nainggolan, al momento, non collimano con quelle dell’Inter. Il belga ha 32 anni e la sua pelle è ormai abituata all’adrenalina delle emozioni forti. Ne ha già vissute tante con la maglia della Roma e, al momento, è solo in cerca di stabilità. Il faccia a faccia con Conte c’è stato un anno fa e l’ex Cagliari non aveva scaricato la responsabilità di quell’addio sul tecnico. Era stata la proprietà, a suo dire, a voler tagliare col passato. A molti tifosi, Nainggolan sembrava un profilo perfetto da rilanciare con Conte in panchina. Tutto ciò non è avvenuto e il Cagliari è stato l’unico attore a poter beneficiare dell’orgoglio del belga e della sua voglia di riscatto. Emozioni, queste, che l’Inter non sembra pronta a riaccogliere né rinvigorire. Le nubi su questa vicenda devono ancora essere diradate completamente. L’ipotesi permanenza in nerazzurro non è da escludere, al momento, ma le priorità di club e giocatore dovrebbero tornare ad incontrarsi, stritolando il peso di un ingaggio ingombrante (e di un passato fastidioso) che campeggia al centro del tavolo delle trattative.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE