Inter la peggiore avversaria di sé stessa: troppi errori evitabili e da evitare

Articolo di
3 Febbraio 2021, 18:28
Inter-Juventus - Coppa Italia, copyright Inter-news.it, foto Tommaso Fimiano Inter-Juventus – Coppa Italia, copyright Inter-news.it, foto Tommaso Fimiano
Condividi questo articolo

La sfida di ieri sera contro la Juventus, decisa da due errori (di cui uno con netta complicità arbitrale), ha dimostrato che la peggiore avversaria per l’Inter è una sola: sé stessa.

QUANTI ERRORI – Dopo quasi 24 ore è ancora bruciante la delusione per la sfida di Coppa Italia persa contro la Juventus per 1-2. Brucia, perché può essere definita una sconfitta immeritata. Specialmente dopo il bel gol in apertura di Lautaro Martinez, che sembrava l’apripista per un’altra serata soddisfacente a San Siro. A sconfiggere realmente l’Inter ieri sera, non sono stati tanto i bianconeri, l’arbitro (quel rigore…) o la doppietta di Cristiano Ronaldo. No. I nerazzurri si sono sconfitti da soli. Non una novità a essere sinceri, ma non soltanto parlando di questa stagione, bensì anche tornando indietro nel tempo.

INDECISIONI – Lasciando da parte ogni commento sulle prestazioni di Samir Handanovic, sempre più una condanna per questa Inter come visto anche ieri sera, sono diverse le occasioni in cui i nerazzurri sbagliano. E anche troppo. A partire dai punti persi a causa degli errori difensivi puri (per citarne uno tra tanti: il 3-2 segnato dal Real Madrid nella sfida del Bernabeu, senza il quale avremmo forse potuto commentare ben altra Champions League), arrivando alla mole di occasioni create e non sfruttate a dovere. Proprio dell’ultimo punto si è discusso a lungo nelle scorse settimane, specialmente in seguito alla partita contro la Sampdoria, una sconfitta arrivata con il triplo dei tiri rispetto ai blucerchiati.

GESTIONE E BLACKOUT – Questa Inter, già dall’anno scorso, deve anche stare molto attenta ai blackout. La sconfitta ci sta ed è contemplata nello sport, il gioco del calcio non fa differenza. Ma a fare la differenza è il come una sconfitta può arrivare. Come ieri sera, con due gol letteralmente regalati. 10 minuti in cui la luce è stata letteralmente spenta e che, al triplice fischio finale, sono costati molto cari. Dei blackout già visti anche nelle sfide contro Napoli Roma, che hanno portato a rischiare di perdere due punti nel primo caso, a lasciare due punti pesanti per strada nel secondo caso. Insomma, per quanto visto fin qui, una sola squadra è in grado davvero di impensierire l’Inter. L’Inter stessa.



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.