Mondo Inter

Pedullà: “Perisic, non basta fare il 30%! Spalletti sa di Conte, ma l’Inter…”

Alfredo Pedullà – giornalista del “Corriere dello Sport” – ad “Aspettando il Weekend” su Sportitalia si esprime sul possibile arrivo di Conte all’Inter al posto di Spalletti e sulle situazioni ambigue che riguardano sia Perisic sia Icardi

SPALLETTI E CONTE – Cambio in panchina scongiurato per ora, ma per Alfredo Pedullà l’ultimo obiettivo stagionale dell’Inter non può proprio essere fallito: «Coppa Italia o no, quella di Antonio Conte è un’incudine che esiste sulla testa di Luciano Spalletti e di chiunque altro è a rischio panchina. Che Conte prima o poi debba tornare ad allenare non c’è dubbio, ma il percorso scelto dell’anno sabbatico è altrettanto chiaro: nei mesi scorsi ha sfiorato davvero il Real Madrid, aspetta una proposta per iniziare la prossima stagione dopo aver sistemato la questione con il Chelsea e Spalletti è il primo a saperlo. L’Inter l’anno scorso ha fatto un brillantissimo finale di stagione ottenendo la qualificazione in Champions League all’ultima giornata in casa della Lazio, quest’anno non basta più arrivare terzo o quarto, deve andare avanti il più possibile in Europa League, che non è la Coppa Italia… In questo momento non converrebbe a nessuno approfondire un argomento così implicito, bisogna aspettare i tempi giusti».

PERISIC E ICARDI – Pedullà fa il punto della situazione anche su due degli “scontenti” di casa Inter, per motivi diversi: «Lo stesso Spalletti aveva parlato del problema Ivan Perisic spiegando il motivo per cui l’ha tenuto fuori contro il Torino, sbagliatissimo, per me doveva evitare di spiegarlo: l’allenatore non deve spiegare tutto ciò che accade. Per il bene dell’Inter e dello steso Perisic, quest’ultimo deve rimettersi in riga e fare Perisic, non il 30% di Perisic. Per fortuna il rinnovo di Mauro Icardi non è a un punto di non ritorno, non ci sono interessi a voler arrivare a temporali con il rischio di piovere, ma siamo a febbraio, come da copione: un è mese fondamentale per togliere clausola e accontentare sia Icardi sia la moglie-agente Wanda Nara, è un passaggio obbligato. Per me le clausole sono passate di moda: o le metti simboliche da 400 milioni di euro oppure non hanno motivo di esistere, perché c’è chi può pagarle e oggi 110 milioni sono pochi. Bisogna essere liberi, poi magari tra un anno decidi di cedere Icardi per 150 milioni e va bene. Comunque si può trovare una soluzione per soddisfare tutti…».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh