Mondo Inter

Cauet: “Maglia Inter pesa, nel ’98 tolto qualcosa che meritavamo! Lippi…”

Benoit Cauet ha parlato ai microfoni del “Giornale” del suo passato all’Inter: dalle polemiche del ’98 a Marcello Lippi, da Massimo Moratto al derby perso 6-0 esattamente 19 anni fa. Ecco le sue parole

RICORDIBenoit Cauet parla della sua esperienza in nerazzurro: «La maglia pesa.. e tanto. L’Inter è una società di livello mondiale. Ha vinto tanto, ha avuto tanti calciatori importanti. Ho fatto un grande salto di qualità e ho solo bei ricordi di quel club, di quella squadra, di quei tifosi, di tutto e tutti». Il francese arrivò nel 1997: «Ronaldo era la ciliegina sulla torta, il giocatore più forte al mondo in quel momento. Noi eravamo un’ottima squadra, ben allenata e affiatata. Penso sia stata una stagione ottima su tutti i punti di vista, poi ci è mancato un qualcosa su un avversario di grande forza di grande capacità come la Juventus. Ci sono stati episodi che sono stati visti da tutti, ormai sono passati tanti anni: fa male quando ti vedi sfilare sotto il naso qualcosa di bello e che avresti meritato ma ormai è acqua passata».

MORATTI E LIPPI – Cosa ha rappresentato l’Inter per Cauet? «Per me l’Inter è stata importante. Se penso al club mi vengono in mente Zanetti e Moratti che hanno fatto la storia e che hanno dimostrato di amare i nerazzurri al di là di tutto». Il francese ha poi parlato di Marcello Lippi e di quello che non ha funzionato: «Il mister è un uomo di grande personalità che nell’arco della sua carriera con le sue vittorie si è costruito la nomea di allenatore vincente. Io ho sempre avuto un grande rapporto con lui, anche se le cose non sono funzionate all’Inter. Veniva dalla Juventus, c’era un’alta rivalità e i tifosi nerazzurri hanno subito guardato il suo pedigree… c’erano alti presupposti ma resta comunque un grande allenatore . Bisogna avere il tempo per costruire qualcosa di bello ma spesso in Italia manca il tempo».

DERBY – 19 anni fa, l’Inter perse 6-0 il derby contro il Milan. Il ricordo di Cauet: «Mi ricordo che eravamo partiti discretamente bene e nel primo tempo eravamo in equilibrio nonostante loro fossero in vantaggio di due reti. Io entrai al 39’ per l’infortunio di Farinos: eravamo sotto ma non immaginavamo che potessimo crollare nel secondo tempo. Negli spogliatoi non ci siamo detti niente. C’era poco da dirsi. Eravamo molto rammaricati e tristi perché avevamo sbagliato in pieno una partita che non avremmo dovuto sbagliare. L’allenatore era Tardelli ma era subentrato a Lippi. Era un tecnico con le sue caratteristiche e che conosceva alla perfezione il campionato italiano. Nonostante questo quella fu una stagione dura e quella una partita molto difficile per noi»

Fonte: Marco Gentile – Il Giornale.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh