Pagelle

Lugano-Inter, pagelle: Correa top da jolly, 8! Onana flop per l’errore finale, 5

Lugano-Inter termina 1-4. La squadra di Inzaghi vince la Lugano Supercup nella prima amichevole estiva di questa stagione. Qualche spunto interessante ma troppo poco. E troppo presto per dare giudizi credibili sia positivi sia negativi. Per riassumere i pochi episodi: Correa brilla, Onana sbaglia. Di seguito le pagelle dell’amichevole Lugano-Inter

SAMIR HANDANOVIC 6.5 – Attento quando chiamato in causa. Si esalta con un paio di tuffi da numero 1 ritrovato. Decisivo nel mantenere la porta inviolata nel primo tempo.

– Dal 46′ ANDRÉ ONANA 5 (FLOP) – Non deve fare parate ma può benissimo impostare l’azione. E lanciare i compagni. Cose che fa bene, come dimostrato dal rilancio che porta al poker nerazzurro. Poi si dimentica di uscire, regalando un goffo gol della bandiera ai padroni di casa. Ed è un errore grave che per fortuna non conta nulla. Debutto – purtroppo – macchiato ma si rifarà.

Lugano-Inter, pagelle – Difesa

MATTEO DARMIAN 6.5 – Fa il suo in uno dei tanti ruoli che può ricoprire. Ottimo il lancio dalla difesa per il tris di Correa, meno il rilancio difensivo che porta all’1-4.

– Dall’88’ ALESSANDRO SILVESTRO SV – Passerella finale.

DANILO D’AMBROSIO 7 – Il primo colpo di testa è un gol dei suoi. Da centrale della linea a tre è un esperimento di mezza estate che non dovrebbe avere continuità a organico completo. E non bisogna aggiungere altro. Comunque non demerita.

– Dal 76′ ANDI HOTI SV – Inzaghi gli regala il quarto d’ora finale.

ALESSANDRO FONTANAROSA 6.5 – Buona la prima con i grandi per il classe 2003. Si disimpegna bene in un ruolo tutt’altro che semplice.

– Dal 76′ EDOARDO SOTTINI SV – Vedi Hoti.

Lugano-Inter, pagelle – Centrocampo

RAOUL BELLANOVA 6.5 – Più quantità che qualità, per ora. Non si tira indietro quando c’è da andare sul fondo, seppure con poca precisione. Tenta il dribbling, a differenza degli altri esterni.

– Dal 46′ VALENTINO LAZARO 6 – Inizia a destra ed è costetto a spostarsi a sinistra dopo l’avvicendamento tra Gosens e Zanotti. E in entrambi i casi fa solo da comparsa.

LUCIEN AGOUMÉ 5.5 – Troppo superficiale in troppe giocate. I difetti restano identici a quelli degli ultimi pre-campionati. Peccato, perché gli spunti non gli mancano.

– Dall’88’ VALENTIN CARBONI 6.5 – Il classe 2005 argentino trova subito l’eurogol con una conclusione dalla lunga distanza. Ha una marcia in più. Talento raro.

KRISTJAN ASLLANI 7 – Non perde tempo a piazzare il primo assist della sua avventura nerazzurra: corner perfetto, D’Ambrosio ringrazia. Si muove tantissimo e verticalizza bene, tanto di destro quanto di sinistro. Propositivo.

– Dall’88’ MATTIA SANGALLI SV – Vedi Silvestro.

HENRIKH MKHITARYAN 5.5 – Debutta da mezzala sinistra. Non incide molto ma era ampiamente prevedibile: dopo l’infortunio rimediato a fine stagione è quello più indietro nelle preparazione. Dura un tempo.

– Dal 46′ JOAQUIN CORREA 8 (TOP) – Permette a Inzaghi il cambio di modulo, almeno per venti minuti. Inizia da trequartista ma con un movimento da punta crea i presupposti per il gol: bellissimo. Finisce da punta ma con un movimento da ala manda in rete il compagno di reparto: bravissimo. Un jolly prezioso per Inzaghi. Magari fosse sempre così facile…

ROBIN GOSENS 5.5 – Timido. Forse un po’ troppo. Un cross telefonato per il portiere avversario e un buon suggerimento centrale nel primo tempo. Esce acciaccato nella ripresa. Far dimenticare Ivan Perisic è un’impresa, gli serve tempo.

– Dal 67′ MATTIA ZANOTTI 5.5 – Da quinto meglio in fase di spinta che in copertuna. Partecipa alla frittata finale con una marcatura nulla sull’uomo in area.

Lugano-Inter, pagelle – Attacco

ROMELU LUKAKU 6.5 – Si muove già meglio del previsto ma non quanto previsto. Ed è comprensibile vista la stazza. Interessanti i primi “nuovi” scambi con Lautaro Martinez. E il movimento che libera Correa vale come mezzo assist.

– Dal 67′ CESARE CASADEI 6 – Compitino da mezzala dopo le (poche) vacanze estive. Magari solo una comparsata in maglia nerazzurra prima del prestito…

LAUTARO MARTINEZ 7.5 – Il gol di rapina può diventare un marchio di fabbrica. Quello di potenza, invece, lo è già. Il numero 10 argentino è sempre più un 9.5: affamato e letale.

– Dal 76′ EDDIE SALCEDO SV – Prova a farsi notare muovendosi tra le linee.

Il voto dalla panchina – Allenatore

INZAGHI 7 – Deve mettere insieme una formazione improvvisata e si focalizza sulle novità. Fa capire qual è il ruolo in cui svezzerà Asllani. Il test è utile più per i quinti che per il resto dell’undici titolare. Ritrova il tandem offensivo Lukaku-Lautaro Martinez ma il dettaglio più interessante arriva dai 20′ con il tridente (3-4-1-2). E alla fine il debutto è anche migliore di un anno fa. Buona la prima.

Seguici sui social per restare sempre aggiornato

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh