Interviste

Mihajlovic: “Difesa a 3? Il messaggio non è passato giusto! Spiego i cambi”

Mihajlovic ha parlato in conferenza stampa nel post partita di Inter-Bologna 3-1. L’allenatore serbo si è lamentato per le tante assenze, che lo hanno costretto a fare cambi con i giovani.

CONFERENZA MIHAJLOVIC – Questa la conferenza stampa di Sinisa Mihajlovic nel post partita di Inter-Bologna.

Un commento su come sono andati i sessanta minuti con la difesa a tre.

Come ho detto prima (vedi articolo) non è tanto difesa a tre. Parliamo tanto dei moduli, ma non è il modulo che ti fa vincere o perdere la partita. L’importante è l’atteggiamento: forse il mio messaggio non è passato nel modo giusto. Ho cambiato modulo perché non ho giocatori offensivi, solo Vignato per giocare col modulo con cui siamo abituati. Siccome i giocatori che potrebbero giocare a destra perderebbero il 30%, e Vignato giocando dall’inizio mi avrebbe tolto un cambio offensivo, ho cambiato modulo. Non era per giocare per non perdere, invece noi nel primo tempo siamo stati poco aggressivi rispetto a quello che siamo. Forse i giocatori pensavano che era giusto stare più bassi e difendere, ma non sappiamo giocare così. Nel secondo tempo siamo ripartiti più aggressivi, abbiamo fatto gol ma abbiamo perso meritatamente. L’Inter non ha fatto niente di che, andare sul 2-0 all’intervallo ci ha tagliato un po’ le gambe: ho visto i ragazzi in spogliatoio abbattuti.

La squadra non sembrava così coraggiosa.

Non siamo stati aggressivi. Devo parlare con loro, ma i moduli non contano nulla: dobbiamo cercare sempre, al di là del modulo, di essere aggressivi e fare pressing offensivo. Invece nel primo tempo non siamo stati aggressivi: questo forza, perché mettendo un difensore in più si pensava che dovessimo difendere e non fare la nostra solita partita. Noi la partita l’abbiamo preparata per essere aggressivi.

Mihajlovic può parlare di Medel e Hickey? Come stanno?

Sono stati infortunati nelle ultime settimane. Hickey era ammonito, in difficoltà con Hakimi e ho deciso di cambiarlo. Medel veniva da un lungo infortunio e ho cambiato pure lui. Su cinque cambi abbiamo messo tre ragazzi della Primavera, sono contento di come sono entrati e tutto ma non è lo stesso quando entra un Primavera.

Ha messo Vergani e Khailoti: era figlio delle condizioni non ottimali di Mbaye e Sansone?

Sì. Mbaye poteva anche entrare quindici-venti minuti, ma ho voluto far entrare il ragazzino perché l’ho visto bene. In allenamento fa bene, non ho visto nessuno che lo dribbla durante gli allenamenti: è uno molto attento, volevo testarlo in un palcoscenico così importante. Sansone non era disponibile, ha un problema al polpaccio: era in panchina ma non disponibile.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh