Conte: “Inter, ora servono risultati. Eriksen come Pirlo…”

Articolo di
21 Novembre 2020, 14:29
Antonio Conte in conferenza stampa Antonio Conte in conferenza stampa
Condividi questo articolo

Conte ha appena concluso la conferenza stampa prepartita di Inter-Torino (vedi articolo). Il tecnico, alla vigilia della ripresa del campionato dopo la sosta per le nazionali, ha dato un giudizio sui singoli così come sulla ripartenza.

CONFERENZA CONTE – Questa la conferenza stampa di Antonio Conte alla vigilia di Inter-Torino.

Conte, siamo all’inizio di un tour de force. Come ci arriva la squadra?

Ci arriviamo con tre positivi, gli altri sono rientrati e sono tutti a disposizione ad eccezione di Pinamonti. Alcuni hanno giocato con le nazionali, altri di meno.

Cosa si aspetta Conte dai suoi giocatori in queste partite. È complicato ripartire con due partite ravvicinate?

Non è una situazione difficile solo per l’Inter. Chi affronta competizioni europee gioca ogni tre giorni. Lo è dall’inizio dell’anno una situazione difficile e lo sarà anche dopo Natale. Dobbiamo affrontare questa situazione nel miglior modo possibile.

Eriksen può giocare alla Pirlo? È un problema di ambientamento?

Sull’italiano non lo so. Come ho detto, faccio le scelte per il bene dell’Inter. Lui ha avuto tantissime occasioni giocando di più rispetto ad altri giocatori. Quando lo riterrò opportuno giocherà.

Conte, secondo molti l’Inter è la squadra più competitiva della Serie A. Condividi questa analisi?

Io penso che noi dobbiamo lavorare. Sappiamo i nostri pregi e difetti, ma per il resto dobbiamo pensare a noi. Mi auguro che ci sia onestà intellettuale sopratutto da chi dà dei giudizi. In un anno essere considerati i più competivi anche nei confronti di squadre che vengono da un dominio assoluto significa che stiamo facendo qualcosa al limite del miracoloso.

Il campionato sarà equilibrato fino alla fine? Oppure già le prossime sette partite possono creare un solco?

Mi auguro ci sia equilibrio fino alla fine. Più squadre saranno coinvolte nelle prime posizioni, più dovranno emergere il lavoro, l’organizzazione e la mentalità. Negli anni passati non c’è stato un grande equilibrio.

Come giudica Conte i numeri dell’Inter?

Sono numeri importanti che testimoniano quello che ho detto: la squadra ha raccolto meno di quanto seminato. Abbiamo un’alta percentuale di gol subiti rispetto a quanto creano gli avversari. Dobbiamo essere più effettivi in zona gol. Concediamo meno rispetto agli anni passati, ma in questo momento quando hanno tirato hanno fatto gol.

Quali sono gli elementi che ti fanno credere che l’Inter ripartirà meglio rispetto a quella passata?

Potevamo fare di più come risultati per quello che stiamo facendo in campo. Mi auguro di rivedere le stesse cose e di essere bravi a portare a casa dei risultati positivi. Nelle partite che domini e alla fine pareggi o perdi, si guarda sempre il bicchiere mezzo vuoto. Oltre alla prestazione serve il risultato. Questo cambia i giudizi, gli umori e tante situazioni.

Conte, da qui a Natale giocherete dieci partite. Si capirà quindi il reale valore delle squadre? Le prime dell’anno scorso sono più dietro in classifica. C’è un motivo?

Non lo so. Noi e l’Atalanta abbiamo finito molto tardi. Noi siamo stati gli ultimi e non c’è stato tanto tempo per riposare e prepararci inserendo i giocatori in partite ufficiali e questo è un fattore da non trascurare, soprattutto nelle mie squadre dove l’organizzazione prevale sull’improvvisazione. Ci sarà tanto equilibrio con tante squadre rinforzate a luci spente. Ogni partita che si gioca difficilmente il risultato è scontato.

Eriksen in futuro può giocare da play basso?

Secondo me no. Penalizzerebbe troppo il giocatore. Lui ha una dote importante: ha un calcio importante con entrambi i piedi. Se gli togli la sua migliore dote lo snaturi completamente. Questo è un giudizio tecnico, poi altri possono dare altri giudizi, ma credo che il giudizio del suo allenatore sia molto più importante di altri che se lo immaginano in altre situazioni.



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




<!--//<![CDATA[ var m3_u = (location.protocol=='https:'?'https://servedby.publy.net/ajs.php':'http://servedby.publy.net/ajs.php'); var m3_r = Math.floor(Math.random()*99999999999); if (!document.MAX_used) document.MAX_used = ','; document.write (""); //]]>-->

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.