Focus

Correa e l’esultanza in pieno stile NBA. Ecco perché il tucu esulta così

Joaquin Correa ci ha messo dieci minuti per trovare il primo con la maglia dell’Inter per poi firmare la sua personale doppietta nel recupero (vedi articolo). L’argentino ha avuto un impatto devastante alla prima apparizione con i nerazzurri e ha sfoggiato subito la sua esultanza. Ecco il significato di tale gesto. 

GHIACCIO IN VENA – Correa ha subito bagnato con la una doppietta la sua prima presenza con l’Inter. Arrivato il giorno prima ai nerazzurri l’argentino è stato subito chiamato in causa da Simone Inzaghi con il tucu che ha segnato due gol regalando la vittoria in rimonta a Verona. Correa ha sfoggiato subito la sua esultanza tipica ai tempi della Lazio, ovvero un braccio disteso con l’altra mano che lo indica. Il significato? Per chi è appassionato non solo di calcio ma anche di basket, e soprattutto di Nba, non può non aver colto il collegamento con l’esultanza di alcuni cestisti che una volta realizzato un canestro esultano proprio in quel modo. L’ideatore è il giocatore dei Minnesota Timberwolves, D’Angelo Russell, che ha per la prima volta mostrato il “Ghiaccio nelle vene”. È proprio questo il significato, indicare le proprie vene. Nei momenti cruciali, giocatori freddi come Correa danno il meglio anche per il loro “Ghiaccio nelle vene”. Chissà quante volte ancora lo ammireremo.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button