FocusPrimo Piano

Bologna dimezzato contro l’Inter ma il rischio COVID-19 riguarda le partite successive

Bologna in fase focolaio COVID-19 prima di ospitare l’Inter nella prima giornata del girone di ritorno in Serie A (vedi informazioni). Una situazione obbligata ma comunque rischiosa per entrambe le squadre a causa del calendario “compatto” in arrivo. Soprattutto quello nerazzurro

BOLOGNA DIMEZZATO – Con due calciatori infortunati (Kingsley Michael e Jerdy Schouten), due impegnati in Coppa d’Africa (Ibrahima Mbaye e Musa Barrow) e ben otto positivi al COVID-19 (Marco Molla, Aaron Hickey, Gary Medel, Nicolas Dominguez, Nicolas Viola, Emanuel Vignato, Sydney van Hooijdonk e Federico Santander), il Bologna di Sinisa Mihajlovic (vedi dichiarazioni) si appresta a giocare contro l’Inter senza dodici tesserati. A oggi. A meno di 24 ore dalla partita, la rosa del Bologna è praticamente dimezzata. Da 27 a 15 calciatori a disposizione. Più i giovani aggregati dalla squadra Under-19, che non scenderà in campo nel Campionato Primavera 1. E per l’occasione Mihajlovic non “richiamerà” i tre calciatori praticamente fuori rosa in attesa di sistemazione a gennaio (Sebastian Breza, Juan Valencia, Diego Falcinelli). Pertanto, il suo Bologna contro l’Inter potrà schierare una formazione titolare di buon livello, praticamente la formazione-tipo, ma con appena tre giocatori di movimento della Prima Squadra in panchina. In pratica, un ritorno al passato: gli undici titolari e i tre cambi. Ma (davvero) si giocherà?

Stop alla Serie A? Bologna-Inter primo campanello

RISCHIO ELEVATO – Tralasciando le polemiche di chi giustamente fa notare che il rinvio di questa giornata (e non solo di Bologna-Inter, ndr) causa COVID-19 sarebbe sacrosanto nelle condizioni in cui verte la Serie A, bisogna porsi una domanda. Tanto legittima quanto pericolosa. Se dopo Bologna-Inter uno o più calciatori rossoblù negativi al COVID-19 nell’ultimo giro di tamponi pre-partita risultassero positivi a distanza di 48 ore dai compagni, cosa succederebbe? E se, oltre ai tre casi già isolati da giorni (vedi comunicato ufficiale), risultassero positivi altri giocatori dell’Inter? In calendario ci sono Cagliari-Bologna e Inter-Lazio, che si dovrebbero giocare a distanza di tre giorni da Bologna-Inter, ovvero domenica 9 gennaio. E il 12 gennaio è in programma Inter-Juventus, la finale di Supercoppa Italiana 2021. Non c’è tempo per pensare e ipotizzare, bisogna agire. Se si blocca la macchina della Serie A, senza date utili per recuperare le partite rinviate, è un problema. Ma è già un problema costringere le squadre a scendere in campo con rose dimezzate a causa di calciatori positivi. Soprattutto perché chi scende in campo è negativo solo fino all’ultimo tampone utile. Le troppe partite ravvicinate nel mese di gennaio non aiutano di certo ed è già tardi per il piano B. Stoppo oggi o stoppo domani? O cambio le regole? Che errore non aver valutato tutti i rischi della sosta invernale (e non solo…).

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh