Esclusiva Inter-News.itPrimo Piano

ESCLUSIVA IN – La Russa: «Arbitraggio Juventus-Inter? Un déjà vu! Mercato, un paio di ritocchi»

Ignazio La Russa, vicepresidente del Senato, torna sull’arbitraggio di Calvarese in Juventus-Inter di sabato, criticando le decisioni del direttore di gara. In esclusiva a Inter-News.it, il senatore parla anche del mercato e della festa scudetto di domenica (ore 15) con l’Udinese.

L’arbitraggio di Calvarese in Juventus-Inter è sotto gli occhi di tutti. Senatore La Russa, che sensazioni ha provato sul rigore e non solo?

È un déjà vu, questa è la mia impressione. Credevamo che il VAR avesse cambiato tutto, invece ci siamo accorti che non è cambiato niente. Sicuramente dipende dalle stelle, dal caso e dalla fortuna, ma è una costante (ride, ndr).

Mercoledì la finale di Coppa Italia avrà un minimo di pubblico allo stadio. Si augura che questo possa avvenire anche domenica per la festa scudetto Inter-Udinese?

Io lo chiedo, e nemmeno un minimo. Sto ripetendo, anche in Parlamento, che ormai non c’è più bisogno di precauzioni eccessive all’aria aperta. Mantenendo la mascherina, con il distanziamento, il 30% o il 50% della capienza non ha più ragione di essere vietato. Non mi parlino delle file all’entrata o all’uscita, altrimenti faccio vedere le file per l’aereo o la metropolitana. È più facile mantenere la distanza agli ingressi a San Siro, piuttosto che per entrare in metropolitana o in aereo al chiuso. Sono solo misure volte ad allarmare la gente: questo è puro allarmismo, in qualche caso anche terrorismo. La riprova è venuta proprio dall’Inter, ma anche dal Como che era stato promosso una settimana prima: i festeggiamenti in piazza Duomo non hanno prodotto nessun aumento dei contagi. Anzi, a livello generale sono diminuiti: è un esperimento ancora più valido, perché non consapevole da parte di chi partecipava.

La Russa, per lei Conte rimarrà anche nella prossima stagione?

La permanenza di Conte è legata alla solidità societaria. Conte è uno che non vuol fare campionati di metà classifica: vuole vincere e competere nelle coppe, come ha dimostrato l’anno scorso. Quest’anno, se solo avessimo superato il turno, saremmo andati avanti con l’Inter degli ultimi tempi. In quel periodo era anche un’Inter sfortunata, vedi il colpo di testa di Lukaku con lo Shakhtar Donetsk.

Al netto della situazione societaria, come si può migliorare quest’Inter?

Credo che, se la società darà un minimo di garanzie, non ci saranno dubbi che l’anno prossimo saranno competitivi. Poi, se i giocatori non pagano gli stipendi e bisogna vendere un paio di campioni, allora le cose si mettono male. Ma bastano un paio di ritocchi: bisogna riprendere Dimarco, che peraltro è già nostro, poi un vice-Lukaku di esperienza. E, racimolando i soldi con qualche vendita minore, dobbiamo prendere un centrocampista. Non cederei nessuno, neanche Eriksen che è l’unico che avrebbe mercato.

Si ringrazia il senatore Ignazio La Russa per la disponibilità mostrata nell’intervista.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh