Lukaku non segna da un anno, Conte preoccupato prima di Napoli-Inter

Articolo di
5 Gennaio 2020, 23:34
Condividi questo articolo

Chi ricorda quando Lukaku ha segnato l’ultimo gol con la maglia dell’Inter di Conte? Attenzione alle risposte affrettate. Bisogna avere una buona memoria o forse far buon uso delle statistiche. La polemica prima di Napoli-Inter è stata servita a freddo. Apriamo il 2020 consapevoli che la lotta alla qualità dei contenuti va estesa al calcio “datato”

ALLARME IN ZONA GOL – «Prima regola del Fight Club: non parlate mai del Fight Club». Quante volte abbiamo sentito questa frase? Io personalmente zero, semplicemente perché non ho mai guardato la pellicola di David Fincher. Però la citazione viene usata da chiunque essendo entrata nel linguaggio d’uso comune. E dopo vent’anni dal successo cinematografico è anche normale, dai. Lo stesso dev’essere successo negli ultimi anni con le statistiche nel calcio. O comunque qualcosa di simile, molto più curioso. «Prima regola delle statistiche nel calcio: non riportate mai statistiche utili e veritiere nel calcio». Suona bene, nulla da dire. Avviene così che il 5 gennaio 2020 si viene a scoprire attraverso uno sperimentale studio di ricerca scientifica che Lautaro Martinez non segna da un mese (vedi articolo). E che ciò preoccupa un po’ l’Inter. Tutto chiaro? A tratti chiarissimo.

LUKAKU A DIGIUNO – I dati sono inconfutabili, il tempo quello è. Ma stavolta vogliamo esagerare. Andando ad analizzare minuziosamente i dati dell’altro attaccante a disposizione di Antonio Conte, beh… la situazione non è migliore. Anzi, da una precisa prospettiva la cosa allarma non poco. Le statistiche di Romelu Lukaku ci dicono che il centravanti belga non segna dal 2019. Avete letto bene. Due-zero-uno-nove. Un’enormità di tempo. Un anno. L’ultimo gol di Lukaku con la maglia dell’Inter risale al 21 dicembre (Inter-Genoa) dell’anno scorso. A dire il vero quella sera i gol furono due, ma ciò non fa che peggiorare la situazione: Lukaku non segna un solo gol in Serie A dal 23 novembre (Torino-Inter), assurdo. In tempi non sospetti qualcuno avrebbe già mandato in giro il carro di “Crisi Inter”. Forse il primo posto in classifica a poche ore da Napoli-Inter frena tutto ciò.

STATISTICHE AL POTERE – Solo per chiarezza. La doppietta di Lautaro Martinez del 1° dicembre (Inter-SPAL), arrivata prima di Inter-Roma a reti inviolate, è solo un lontano ricordo. L’ultima partita giocata dall’attaccante argentino è datata 15 dicembre (Fiorentina-Inter), quando è uscito dal campo all’84’ ammonito da diffidato. Lautaro Martinez ha saltato Inter-Genoa per squalifica, poi la sosta natalizia non gli ha permesso di incrementare i suoi numeri sotto porta. Peccato, davvero. Non tanto per il numero 10 dell’Inter quanto per la qualità dei contenuti da offrire al pubblico dei lettori. Gli amanti delle statistiche (inutili e false) negli ultimi anni si sono moltiplicati. Il bello delle statistiche è approfondire temi oscuri ai più, aggiungendo dettagli e spunti interessanti. Non funziona così nel calcio. Né avviene ciò in Italia. Non è questa la linea seguita dal giornalismo sportivo odierno. E sembra che nessuno voglia migliorare la situazione. Dalle fake news alla fake stats il passo è stato brevissimo. Confidando dopo le feste nel ritorno del calcio giocato.




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.