Milik (e la Roma) sbloccano il mercato delle punte. Quali nomi per l’Inter?

Articolo di
15 Settembre 2020, 09:59
Arkadiusz Milik Napoli-Verona Arkadiusz Milik Napoli-Verona
Condividi questo articolo

Le big di Serie A cominciano a muovere le tessere del mercato delle punte. La Roma, con Milik, sblocca la situazione. Ma anche Juventus e Inter hanno bisogno di un colpo credibile davanti. La situazione e gli scenari possibili

PRONTI, PARTENZA – È cominciato il valzer delle punte per le big di Serie A. L’equilibrio sottile è ormai incrinato: la Roma avrebbe infatti convinto il Napoli a lasciar andare via Arkadiusz Milik. Cifra sborsata? Vicina ai 25 milioni di euro, bonus comrpesi. Potrebbe un esborso esiguo, ma va ricordato che la situazione del polacco, in Campania, si era fatta complicata. Tanto che Gennaro Gattuso non lo aveva tenuto in considerazione per l’ultima amichevole con il Pescara (vinta 4-0). A catena, dunque, Edin Dzeko sarebbe libero di cercarsi una nuova squadra. E qui la girandola di mercato coinvolge anche Inter e Juventus.

LE ALTRE BIG – Secondo diverse fonti italiane, Dzeko non avrebbe problemi a trasferirsi in bianconero. L’accordo col club torinese dovrebbe essere una formalità e alla Roma andrebbe una cifra vicina ai 15 milioni di euro. Tuttavia, la prima scelta per Andrea Pirlo resta Luis Suárez del Barcellona. Si tratta di una situazione logorante, quella che circonda il ‘Pistolero’ uruguaiano. Non meno di quella che avvolge Arturo Vidal, ovviamente (QUI le ultime). Ma la Juventus ha estremo bisogno di un tassello in quella zona dell’attacco e lo stesso Pirlo non si è fatto problemi a richiederlo pubblicamente. Se l’affare Suárez non dovesse sbloccarsi, i bianconeri avrebbero già pronte le alternative Dzeko, appunto, e Olivier Giroud. Entrambi accostati all’Inter in passato. Anche i nerazzurri, infatti, si stanno muovendo sotto traccia per colmare le loro lacune offensive.

VECCHI AMORI – Già, ma quali sono i nomi sul tavolo per l’attacco dell’Inter? Dzeko lo sarebbe ma ad alcune condizioni. In primis, che la Juventus distolga lo sguardo e riesca a portarsi a casa Suárez. E poi che la situazione di stallo prosegua fino al tramonto della sessione di mercato, quando i nerazzurri potrebbero strapparlo a prezzo di saldo. Ma con l’arrivo di Milik, e l’inizio contemporaneo delle ostilità, l’ex Wolfsburg e Manchester City difficilmente accetterà di godersi le prime giornate dalla panchina. Discorso diverso per Olivier Giroud, che ieri in Brighton-Chelsea è rimasto novanta minuti in panchina. Chiuso dal titolarissimo Timo Wener e da Tammy Abraham, il francese (campione del mondo) è tornato a ragionare sul suo futuro. È finito sul taccuino della Juventus, ma Conte farebbe carte false per averlo a disposizione come ricambio.

DUE DUBBI – L’attacco dell’Inter, infatti, al momento conta Romelu Lukaku, Lautaro Martinez Alexis Sanchez. Ci sono poi alcune situazioni criptiche: Ivan Perisic e Sebastiano Esposito. Il croato verrebbe riciclato da Antonio Conte come quarta punta e, in tal senso, alcune indicazioni in più potrebbero arrivare dalle amichevoli di questa settimana. Non è da escludere che l’ex Bayern Monaco possa essere dirottato come alternativa sull’esterno. Per quanto riguarda il golden boy, classe 2002, la soluzione più plausibile è un prestito in Serie A. L’Inter, però, vuole garanzie sull’impiego. Il club nerazzurro vuole favorire la crescita di Esposito, evitando un contraccolpo simile a quello della seconda parte della stagione passata. Dopo l’entusiasmo per il gol al Genoa, e il rigore procurato contro il Borussia Dortmund, Esposito è finito ai margini delle gerarchie di Conte.

PUNTA CERCASI – L’Inter, dunque, ragiona sull’attacco tenendo gli occhi vigili su alcune situazioni potenzialmente molto ghiotte. Oggi dovrebbe essere ufficalizzato il giovane attaccante Darian Males, che sta svolgendo le visite mediche in queste ore (vedi articolo). Dzeko resta un’opzione d’alto profilo ma appare complessa in questa fase. Giroud, apparentemente più abbordabile, vuole capire quanto spazio potrà avere al Chelsea quest’anno. In tutto ciò, Antonio Conte sa di aver bisogno almeno di un’altra punta centrale. Una stagione come quella passata, con Lautaro Martinez e Lukaku al riparo da infortuni, è uno scenario più unico che raro.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE