Mondo Inter

Borghi: “Inter, è la sconfitta di Conte. Ecco cosa manca al progetto”

L’Inter e Antonio Conte hanno diversi problemi, secondo Stefano Borghi. Che tramite il suo canale YouTube analizza la sconfitta contro il Real Madrid.

PAROLE E FATTI – L’Inter non sembra più la squadra di Antonio Conte. Ne è convinto il giornalista Stefano Borghi, che analizza la sconfitta nerazzurra contro il Real Madrid. Ecco le sue parole: «Perché dico che è la sconfitta di Conte? Perché dopo la gara col Torino avevamo visto di nuovo il Conte arrabbiato. Parlava di fare i solchi, di intimidire l’avversario, di inclinare il campo per gli altri. E l’Inter non lo ha fatto contro il Real Madrid, rimanendo forse vittima di questa eccessiva carica in quello che ha fatto Vidal. Che poi è forse il giocatore simbolo del progetto di Conte. Il calcio prettamente motivazionale, da battaglia, non ti porta più a vincere. Per arrivare a vincere devi proporre di più, proporre e giocare meglio, avere più qualità. E si è vista un’Inter che sul piano del gioco non aveva contraddittorio, contro un Real Madrid che non era nemmeno il vero Real. Il Real Madrid ha vinto la partita e ha battuto l’Inter in ogni singola zona, in ogni singolo duello».

SENSAZIONI – Borghi poi innalza il suo giudizio astraendosi dalla gara di ieri: «Abbiamo questa sensazione da diverso tempo: che il problema dell’Inter sia legato soprattutto al modo in cui l’Inter ha deciso di giocare e fare questo progetto. Manca per essere una grande squadra, non solo la mentalità ma manca proprio un impianto. E non è questione di giocatori, perché la rosa dell’Inter è una rosa importante. Manca proprio l’obiettivo tecnico, si vede soprattutto in queste partite, dove poi c’è anche l’inesperienza. Ieri, pur in un Real Madrid rabberciato, c’erano in campo 27 Champions League. Dall’altra parte l’unico giocatore ad aver vinto la Champions è Perisic. Per cui c’è un gap notevole».

 

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button