Altobelli: “Inter, nel derby conta vincere! Conte? Ecco chi mi ricorda”

Articolo di
21 Settembre 2019, 15:02
Condividi questo articolo

Intervistato da “SportWeek”, Alessandro Spillo Altobelli ha aperto il cassetto dei ricordi, ripercorrendo alcuni dei derby disputati con la maglia dell’Inter, e non facendo mancare l’incitamento agli uomini di Antonio Conte.

CONTE VERO GRANDE ACQUISTO – Per Alessandro Altobelli, 2° miglior marcatore della storia dell’Inter con 209 reti in 466 partite, non contano solo gli uomini in campo, tanto che – assieme a Romelu Lukaku e agli altri arrivi estivi – ritiene Antonio Conte l’altro grande acquisto di Giuseppe Marotta: «Conte mi ricorda Eugenio Bersellini: era chiamato il sergente di ferro perché comandava lui, era un uomo solo al comando, quello che diceva era legge, quindi tutti i giocatori lo seguivano, gli obbedivano. Lo stesso succede oggi con Conte: i giocatori sono i suoi soldati. Abbiamo una squadra a cui magari sulla carta manca qualcosa, però con la voglia di arrivare trasmessa da Conte abbiamo fatto un bell’inizio e siamo primi a punteggio pieno: si è visto l’attaccamento alla maglia, il rispetto verso tifosi e società».

LUKAKU GIÀ NEL CUORE DEI TIFOSI – Spillo ha poi parlato di Romelu Lukaku, il nuovo numero 9 dell’Inter, chiamato a sostituire Mauro Icardi, mattatore degli ultimi derby: «Parlare ancora di Icardi è inutile, oramai la sua storia è accantonata. Oggi penso a Lukaku, un giocatore che mi piace e che si è presentato bene, segnando e facendo vedere qualità tecniche, agonistiche e fisiche che potranno servire tanto all’Inter. Il belga è l’uomo che voleva Conte: anche quando soffre sottoporta fa comunque un lavoro importante, visto quanto è in grado di aiutare la squadra. Qualcuno poteva anche pensare che Lukaku avrebbe faticato all’inizio, invece è stato il contrario: San Siro l’ha accolto alla grane, si è innamorato di lui. L’affetto della gente in una piazza come Milano è la spinta per riuscire a dare sempre il massimo».

INTER, ANNO NUOVO FACCIA NUOVA – Altobelli riserva poi un commento sugli altri uomini di Conte, che hanno cambiato poco e – al tempo stesso – tantissimo la faccia dell’Inter: «È un’altra squadra, perché ha cambiato i giocatori che un anno fa dovevano essere fondamentali, come Icardi, Radja Nainggolan, lo stesso Ivan Perisic. L’Inter di Conte ha una difesa fortissima, i tre dietro sono tra i migliori in circolazione e nel modulo di Antonio avere Diego GodinStefan De VrijMilan Skriniar insieme è una garanzia. È stato importante rafforzare il centrocampo accanto a Marcelo Brozovic: il croato del passato recente sembrava svogliato, invece Marcelo serve davvero, è l’anima di questa Inter. Stefano Sensi ha fatto vedere cose straordinarie e sta prendendo per mano la squadra in maniera inaspettata, mentre Nicolò Barella ha la stoffa per fare il titolare come dimostra la scelta di Roberto Mancini in Nazionale. Anche il ritorno di Antonio Candreva ad alto livello sarà fondamentale. Lautaro Martinez ha tanta qualità e lo sapevamo: deve solo giocare con più continuità rispetto all’anno scorso e far vedere quello che sa fare, perché lui sa fare tanto».

L’IMPORTANTE È VINCERE – Interrogato su un pronostico per stasera, Altobelli ha ribadito quanto i derby debbano essere vinti, a prescindere da tutto: «Oggi non mi interessa chi segna, l’importante per l’Inter è vincere. Chi ha più possibilità di essere decisivo? Di sicuro Lukaku e Lautaro. Ma occhio agli inserimenti di Brozovic e Sensi e ai calci d’angolo, con i tre difensori che saltano molto bene. Se finisce con un gol di Lukaku o del Toro, però, è meglio».




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.