Focus

Keita Baldé opzione per l’attacco Inter? Inzaghi presenza magnetica

L’Inter ha bisogno di una quarta punta. E Inzaghi è una presenza magnetica per un ex. Vale a dire Keita Baldé, che non vede l’ora di riunirsi col suo mentore.

VOGLIA DI INTER – Nuova idea per l’attacco dell’Inter. Anche se in realtà non è proprio un’idea spontanea. E si tratterebbe di un ritorno. La notizia è che Keita Baldé si sarebbe proposto addirittura personalmente per completare il reparto offensivo nerazzurro. Il motivo di questo desiderio tanto bruciante ha un nome e un cognome: Simone Inzaghi.

ALLIEVO E MAESTRO – Il legame del senegalese col tecnico infatti è profondo. Riassumento, Keita gli deve la carriera. Inzaghi infatti approdato sulla panchina della prima squadra della Lazio lo ha valorizzato al massimo. Come nessuno prima, ma soprattutto dopo. Il 2016-2017 è l’anno chiave. L’attuale tecnico dell’Inter si trova quasi per caso ad allenare i biancocelesti. E col senegalese scatta un feeling unico. Keita in quella stagione fa la punta nel 3-5-2. Spesso la seconda, ma a volte anche la prima. Il risultato finale sono 16 gol (QUI potete vederli). Un’esplosione fragorosa, che sembrava il primo passo della carriera. Invece è rimasto un unicum. Cui oggi evidentemente il giocatore per primo si aggrappa, con nostalgia. Cercando appunto una riunione col suo mentore.

RILANCIO ALLA SAMP – Il senegalese è un giocatore del Monaco, che lo ha acquistato proprio dalla Lazio nel 2017. Nell’ultima stagione ha giocato in Italia, alla Sampdoria. In prestito. Una stagione in cui ha faticato a carburare, nettamente limitato nella sua esplosività da problemi fisici. Questa è la sua heatmap stagionale presa da Sofascore:

Ranieri lo ha usato come punta, il ruolo che ormai ricopre in modo stabile. Libero di giostrare su tutto il fronte offensivo cercando di dare spunti di qualità. In totale Keita ha giocato 1257 minuti, con 12 partite da titolare in Serie A. Non un grande biglietto da visita alla voce continuità fisica. I gol però sono stati 7 (di cui 2 proprio all’Inter). Vale a dire il suo massimo dal 2017-2018.

RITORNO IN NERAZZURRO? – Ma come potrebbe Keita tornare all’Inter? In sostanza come l’ultima volta. La Samp non lo ha riscattato dal Monaco dopo il prestito. Soprattutto per lo stipendio. Il senegalese però non rientra nei piani dei francesi, che sono disposti a cercargli una nuova sistemazione. Come nel 2018-2019 quindi la soluzione potrebbe essere un prestito. Di nuovo. Non una soluzione semplice o immediata, perché è probabile che il suo club dopo tutti questi anni voglia cercare una soluzione definitiva. E il suo contratto scade nel 2022. Ma qualcosa per cui il giocatore per primo potrebbe spingere, visto appunto il legame con Inzaghi. E anche con l’ambiente nerazzurro, con cui il feeling c’è stato (Keita ha segnato nel famoso Inter-Empoli di Spalletti e Dalbert). Il ragazzo (che, ricordiamo, è un classe 1995, dunque ancora giovane malgrado giochi da tantissimi anni) insomma ha motivi personali per spingere verso un ritorno. All’Inter serve una quarta punta che conosca il campionato e sappia anche subentrare dalla panchina, portando qualità. Riuscirà lui a diventare la quarta punta?

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button