FocusPrimo Piano

Godin complice del flop Cagliari, colpa di Conte? Nell’Inter oggi ci sono altri esempi

Godin nella sua stagione in Serie A sta seguendo la traccia iniziata con l’Inter. Da Milano a Cagliari sono cambiate tante cose ma le prestazioni del centrale difensivo classe ’86 non riescono a tornare al top. Quante sono le colpe di Conte? Basta analizzare ciò che sta succedendo oggi ad Appiano Gentile per capirlo

FLOP A FINE CARRIERA – La stagione di Diego Godin a Cagliari non sta andando secondo le più rosee previsioni. E non c’entra molto l’assetto difensivo della squadra rossoblù, che con Eusebio Di Francesco in panchina sta crollando a picco. Lo spettro della Serie B è là, a portata di classifica. Non è un caso che proprio in queste ore il Presidente Tommaso Giulini, dopo aver rinnovato contratto e fiducia al tecnico, stia pensando all’immediato sostituto. Si parla di Leonardo Semplici, ex SPAL. Non può essere sempre e solo colpa dell’allenatore. L’utilizzo della difesa – a tre, quattro o cinque – è un alibi per provare a giustificare un calo delle prestazioni. Un calo dovuto a motivi fisiologici (avanzare dell’età) e psicologici (mancanza di stimoli). La pancia piena da fine carriera non si sposa benissimo con l’approccio richiesto da Antonio Conte e si è visto bene. E Godin, con il suo ricco palmares (e contratto…) a 35 anni appena compiuti, ne è vittima. Triste ma oggettivo.

LE REGOLE DI CONTE – Non è un caso che a Cagliari nelle ultime settimane siano sbarcati anche Radja Nainggolan (prestito gratuito) e Kwadwo Asamoah (rescissione contrattuale). Due finiti ai margini della rosa con Conte. E non è nemmeno un caso che, finora, Arturo Vidal non abbia rispettato le previsioni fatte prima del suo arrivo a Milano. Idem Aleksandar Kolarov, che è arretrato nelle gerarchie difensive e sulle fasce. Al contrario, Milan Skriniar è rinato e Alessandro Bastoni sta bruciando le tappe. Entrambi stanno sostituendo alla grande Godin nella difesa a tre dell’Inter di Conte. Nonostante la professionalità del difensore uruguayano, che prima di arrivare in Italia a parametro zero era giustamente considerato un leader e un top nel ruolo, i tempi moderni non si sposano con il romanticismo storico. Per essere utili alla causa Inter, oggi, bisogna avere fame. Godin l’ha avuta e oggi è – giustamente – sazio. Questa è solo l’ennesima dimostrazione che Conte non guarda in faccia nessuno ma ragiona e agisce solo per il bene dell’Inter. Lo abbiamo capito tardi ma lo abbiamo capito bene. Rispetto per ei fu Godin ma ha ragione Conte eh.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh