Brozovic negli ultimi mesi ha interpretato il suo ruolo in modo diverso

Articolo di
24 Agosto 2020, 10:46
Condividi questo articolo

Marcelo Brozovic da un paio di anni è il regista arretrato dell’Inter. Conte però negli ultimi mesi ha chiesto al croato di interpretare il ruolo in modo differente.

STESSO MODULO, INTERPRETAZIONE DIFFERENTE – Da Atalanta-Inter Conte ha deciso di tornare al 3-5-2, e questo lo sanno tutti. Ma stesso modulo non sempre significa stesso gioco. Gli equilibri di squadra infatti rispetto al 3-5-2 della prima parte di stagione erano diversi. Anche molto. In particolare per un giocatore, Marcelo Brozovic. Che formalmente ha ricoperto lo stesso ruolo, centrocampista centrale dei tre, ma con un’interpretazione nettamente differente.

MENO PASSAGGI – C’è un dato che aiuta a capire la sfumatura. Brozovic secondo i dati di Whoscored è il primo per passaggi di media in casa Inter. Con 65 sta davanti a tutti i difensori e supera di oltre 20 il secondo centrocampista, che è Barella con 44. Guardando però il dato relativo solo all’Europa League questo numero scende. Notevolmente. Il numero 77 passa a 48 passaggi di media. E per far capire che c’è dietro un vero e proprio cambio di filosofia si può vedere il dato relativo alla Champions League. Dove l’Inter ha affrontato squadre di alto livello e non ha fatto sempre gioco. Il numero era superiore. Precisamente oltre i 55.

INTERPRETAZIONE DIFENSIVA – Chiaramente il dato in sè non dice tutto. Ma la lettura è che Brozovic è passato da interpretare il ruolo da regista basso a mediano davanti alla difesa. Una sfumatura interpretativa: non più al primo posto regia e tanti palloni da giocare alzando il baricentro, ma copertura e gestione degli spazi, coordinandosi soprattutto in non possesso. Anche perché il numero 77 ha sempre abbinato la quantità al suo lavoro in impostazione. Non è un caso che de Vrij abbia invece visto aumentare il suo numero di passaggi medi. L’Inter ha cambiato modo di affrontare le partite, come idea di base. Il croato, come un po’ tutta la squadra, nel periodo post Atalanta ha risposto presente, si è rimboccato le maniche ed è andato in trincea. Come da richieste di Conte. Una cosa che in carriera aveva già fatto, con la sua Croazia al Mondiale. Anche in quel caso aveva accettato di fare principalmente il lavoro sporco, sacrificando la qualità del suo gioco.




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.