CalciomercatoPrimo Piano

Joao Mario come Nainggolan: altro braccio di ferro con l’Inter, finale scontato

Joao Mario e Nainggolan non faranno parte della nuova Inter post-Scudetto. Non è una novità, come non stupisce che la doppia operazione in uscita non sia ancora stata chiusa. Le complicazioni degli ultimi giorni fanno parte del programma, ora toccherà fare uno sforzo ulteriore per limitare i danni (economici)

BRACCIO DI FERRO – La trattativa tra Inter e Sporting Clube de Portugal per la cessione a titolo definitivo di Joao Mario (vedi articolo) si complica. Nulla di strano. Anzi. Il futuro del centrocampista portoghese classe ’93, per quanto sia certamente lontano da Milano, non è poi così diverso da quello di Radja Nainggolan (vedi articolo). Joao Mario vuole restare a Lisbona e lo Sporting CP vuole averlo in rosa, ma giocando al ribasso con l’Inter. Negli ultimi giorni si stanno valutando anche piste estere, in Spagna, per mettere pressione ai portoghesi, ma è probabile che alla fine le due parti riescano a trovare un punto d’incontro a metà strada. Come dovrà succedere tra Inter e Cagliari per Nainggolan: l’ennesimo braccio di ferro di mercato per far crollare il prezzo del cartellino, rovinare la plusvalenza all’Inter e inserire nell’operazione altri nomi. Le difficoltà son note da tempo, il finale è scontato in tutti i sensi. O l’Inter fa un ulteriore sconto, rinunciando alla cifra tonda, per chiudere l’operazione entro il 30 giugno. Oppure si andrà nuovamente per le lunghe, facendo tutti scontenti. Del resto, la difficoltà era nota già da tempo (vedi focus).

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button