Mihajlovic: «Ha vinto l’Inter, non ha perso Ibrahimovic. La più forte»

Articolo di
23 Febbraio 2021, 08:34
Sinisa Mihajlovic Bologna-Cagliari Sinisa Mihajlovic Bologna-Cagliari
Condividi questo articolo

Mihajlovic è intervenuto in collegamento nel corso di “Tiki Taka” su Italia 1. L’allenatore del Bologna ha parlato del derby Milan-Inter 0-3 di domenica, salvando la prestazione di Ibrahimovic e premiando i nerazzurri.

DERBY DOMINATOSinisa Mihajlovic parla di Milan-Inter 0-3: «Sì, l’ho vista. Ha vinto l’Inter, non ha perso Zlatan Ibrahimovic: ha fatto quello che doveva fare, non ha fatto gol ma si è reso più pericoloso degli altri. Però l’Inter è più forte, c’è poco da dire. Classifica definita? Non direi che è chiuso, però sicuramente la squadra più accreditata per vincere lo scudetto è l’Inter».

LA CARRIERA – Mihajlovic ha un doppio passato in nerazzurro, prima in campo e poi in panchina. Questo il suo ricordo: «Se faccio l’allenatore lo devo a Roberto Mancini. Noi siamo stati compagni di squadra alla Sampdoria e alla Lazio, quando ho smesso mi ha chiesto di fargli da secondo. In quel periodo fare il secondo all’Inter, con tutti i personaggi che c’erano, era più difficile che fare il primo allenatore in una squadra di Serie A di mezza classifica. Volevo fare l’allenatore, se oggi lo faccio è grazie a lui. Mi ha insegnato tante cose, ho una grande amicizia con lui da più di vent’anni».




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.