Mondo Inter

Mancini: “Rivali Juventus? Inter pronta! Tornato per amore, no rimpianti”

Roberto Mancini ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano “Il Corriere dello Sport”. Il commissario tecnico dell’Italia ha analizzato le possibili avversarie della Juventus per la lotta per il titolo e parlato dell’Inter con un riferimento anche alla sua seconda esperienza, durata da novembre 2014 ad agosto 2016.

RINCORSA AL VERTICERoberto Mancini vede il suo passato vicino a competere con la Juventus per la vittoria della Serie A: «La Roma ha giovani di prospettiva, il Napoli gioca benissimo, il Milan deve azzeccare almeno tre acquisti. L’Inter mi sembra la rivale più pronta, come struttura e come capacità di investimenti. Sono tornato a Milano per amore e per riconoscenza. Non ho rimpianti, forse ci voleva più pazienza ma le scelte vanno fatte sul momento e io decisi di mollare. Guardo avanti».

SCONTRI INTER-NAPOLI – Mancini torna anche sui fatti avvenuti lo scorso 26 dicembre e giudica la situazione: «L’anno 2018 del calcio italiano è finito nel peggiore dei modi, pensavamo che l’epoca della violenza dentro e fuori dagli stadi fosse finita, invece ci è scappato di nuovo il morto, stavolta a Milano. La situazione sta diventando drammatica, non si può morire andando a vedere una partita di calcio, è arrivato il momento in cui le istituzioni intervengano: qualcuno deve prendere decisioni importanti, drastiche, anche impopolari per porre fine a questa collana di morti insopportabili. Sono stato per tanti anni in Inghilterra, dove la situazione era altrettanto drammatica: oggi i tifosi vedono le partite a contatto con i giocatori, non ci sono ostacoli tra loro e il campo. Perché in Italia non si può entrare in uno stadio serenamente, senza rischiare una bastonata in testa o una coltellata? E poi tutto quel razzismo, oggi che anche in Nazionale abbiamo dei giocatori di colore. Manca una vera cultura sportiva, il mondo è cambiato e in troppi non se ne sono accorti. Bisogna che i genitori facciano i genitori e inizino a educare i propri figli. Questa è la base di partenza, poi servono prese di posizioni impopolari. I buuuu razzisti non hanno senso, non c’è una squadra dove non ci sia un nero, perché allora insultare quelli della squadra avversaria? Fermiamoci, se necessario, fermiamoci noi, come dice Carlo Ancelotti, se le istituzioni non sono in grado di risolvere questo problema vergognoso».

Fonte: Il Corriere dello Sport – Alberto Dalla Palma

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh