Mondo Inter

Bertotto: “Handanovic? Inter in buone mani. Icardi? Spalletti è esigente”

Il sito di Gianluca Di Marzio ha intervistato Valerio Bertotto – capitano dell’Udinese ai tempi di Luciano Spalletti – per parlare della scelta da parte dell’Inter e del tecnico stesso di togliere la fascia da capitano a Mauro Icardi.

TECNICO ESIGENTE – «Schietti, onesti e in modo civile, è capitato più volte che ci trovassimo a confronto. Luciano è un allenatore esigente, che pretende tanto dai suoi ragazzi. Una volta decisi di difendere i miei compagni. Spalletti non voleva lo stereo nello spogliatoio, diceva che finivamo per deconcentrarci, mentre noi ormai eravamo abituati a tenerlo acceso. Raggiunti i 40 punti della quota-salvezza, presi io lo stereo e mi occupai di sistemarlo sopra il mio armadietto e accenderlo. Lui se la prese e mi sgridò di fronte a tutti. Anche in quel caso riuscimmo a ricomporre tutto, come era già successo diverse volte per via di alcuni eventi in campo. Il caso Icardi? Quello che Spalletti chiede a un capitano non è poi così eccezionale, ma ci sono alcuni presupposti dai quali dubito che voglia prescindere. Luciano ama gli uomini veri, quelli che preferiscono parlare sul campo e mantenere un profilo basso fuori. Al di là di questo, la figura del leader è legata a una serie di valori fondamentali: bisogna essere responsabili prima di sé stessi e poi dell’intero gruppo, evitare commenti fuori luogo e situazioni imbarazzanti. Spalletti è uno dei migliori nella gestione del gruppo. Certo, quando vedi il “mi piace” di Brozovic alla notizia del cambio di capitano, due domande te le fai: è risaputo che basta un clic per scatenare un putiferio, i calciatori devono fare attenzione a queste cose. È chiaro che la decisione non sia stata soltanto di Spalletti, la società ci avrà pensato bene prima di agire in questo modo. Credo che i problemi di Luciano con Mauro e Francesco prescindano dalla visibilità mediatica dei giocatori. Indubbiamente, per Roma e Inter loro hanno rivestito a lungo il ruolo di uomini-immagine della squadra, ma Spalletti non dà peso a queste cose. Handanovic nuovo capitano? Conosco Samir da quando era un ragazzino e, a parte il fatto che è fortissimo, se sta ancora all’Inter è perché è un professionista esemplare, dotato di grandi valori a livello umano. Sarà pure un tipo taciturno, ma ognuno sa essere leader a modo suo. Credo che adesso l’Inter sia in buone mani».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh