Focus

Inzaghi ha davanti una settimana di fuoco: come gestire l’Inter?

L’Inter si trova alla vigilia di una settimana importante. In cui i gol e i punti peseranno in ogni impegno. Inzaghi dovrà gestire tre gare delicate.

SETTIMANA DI FUOCO – Sabato, martedì, domenica. Questo è il ritmo delle prossime partite dell’Inter. E gli avversari sono Lazio, Sheriff e Juventus. Col secondo, meno nobile di nome, in Champions League dove la situazione è delicata e la pressione massima. Insomma, Inzaghi ha davanti a sé una settimana di fuoco. Con necessità di gestione non banali.

INIZIO DELICATO – In primo luogo il tecnico deve affrontare la Lazio sabato alle 18. La prima partita dopo la sosta per le nazionali ha sempre delle peculiarità visti gli impegni appunto dei vari nazionali. Due settimane via, con altri compagni, altri metodi di allenamento e una serie di partite ravvicinate nelle gambe. E lo è a maggior ragione per l’Inter visti i cinque convocati sudamericani. Inzaghi deve valutare le condizioni di tutti, sapendo che i vari Correa, Lautaro Martinez, Sanchez, Vidal e Vecino saranno al massimo disponibili per la panchina. La sfida è un big match e va affrontato comunque al meglio. A inizio anno tutti corrono e i punti servono. Ci sarà da stringere i denti. Ma sarà solo il primo impegno.

GARA DECISIVA – Inzaghi poi deve pensare a martedì. La terza partita di Champions League. Quella che non si può proprio sbagliare. Dove servono i gol e i punti, senza appello. A tre giorni dalla Lazio il tecnico dovrà valutare le scorie della prima gara e le condizioni, di nuovo, dei sudamericani. Che a quel punto dovrebbero essere disponibili e permettere qualche cambio. La pressione a San Siro sarà notevole. Insomma, serviranno i migliori. Ma domenica poi, nella stessa cornice, c’è la Juventus.

BIG MATCH FINALE – Ed eccoci a domenica. La fine della settimana di fuoco. Il big match per eccellenza. Una sfida con in palio un certo status oltre ai punti. Che ancora una volta l’Inter non potrà fallire. Con Inzaghi a gestire tutti gli accadimenti precedenti. E i minuti dei suoi giocatori principali. Una settimana nella pentola a pressione. Che dirà molto dello status della squadra. Della sua forza mentale. Della capacità di gestire i momenti delicati. E anche delle eventuali necessità di crescita.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button