Acerbi: “Centri sportivi più sicuri dei parchi! Non ripartire il 4 maggio…”

Articolo di
28 Aprile 2020, 17:30
Francesco Acerbi Lazio
Condividi questo articolo

Francesco Acerbi, difensore della Lazio, ha parlato dell’emergenza Coronavirus e del fatto che dal 4 maggio con l’avvio della Fase 2 gli sport di squadra non possono riprendere gli allenamenti

NO POLEMICA – Francesco Acerbi ha lanciato un appello su “Lazio Style Channel”. Queste le sue dichiarazioni: «Sono un calciatore, cerco di giocare bene a calcio e svolgere il mio dovere. Non voglio far polemica, parlo a nome di tutti i miei colleghi, non capisco però perché non posso andare a correre nel centro sportivo, che rispetta tutte le norme di sicurezza, ma posso farlo in un parco pubblico. A Formello saremmo ancora più sicuri, francamente non capisco il perché di questa scelta: la salute conta più di tutto».

CONTOSENSO – Acerbi sottolinea un controsenso: «Rispettiamo le indicazioni del Governo e ci arrangiamo come possiamo, ma dato che abbiamo la fortuna di avere un centro sportivo enorme è un peccato non poterlo utilizzare. Gli allenamenti per noi sono importanti, le distanze di sicurezza ci sarebbero e non andremmo contro il nuovo decreto. Ci ha lasciato sbalorditi questa decisione, siamo abituati a muoverci, è il nostro lavoro. Adrenalina, competizione ed obiettivi fanno parte di noi, rimanendo a casa soffriamo molto, così come le altre persone. Ora che in sicurezza c’è la possibilità di correre nei parchi non vedo perché non poterlo fare all’interno del centro sportivo».

EMERGENZA – «Nessuno vuole andare contro il Governo, conosciamo e rispettiamo una situazione che ha generato tanti morti, vorremmo solo sapere il perché non possiamo svolgere al meglio il nostro lavoro.Il calcio poi è un’industria importante del Paese, muove tanti soldi. Avrebbe anche un importante ruolo sociale, è lo sport più amato. Quindi è normale che ci sia più voglia di riprendere, tutti noi vogliamo farlo nel modo giusto nel rispetto di tutti, anche dei morti. Andrebbe quindi fatto ripartire».

RIPARENZA – Acerbi ha chiuso parlando della ripartenza: «Non allenandosi individualmente neanche il 4 maggio però diventerebbe più dura, allungherebbe ancora di più i tempi e rischierebbe di sovrapporre stagione vecchia e nuova. Non siamo in vacanza in questo periodo, siamo in casa come tutti cercando di allenarci al meglio. Sappiamo che in questo momento stanno soffrendo tante persone, so cosa si prova. A loro dico di tenere duro, nella vita ci sono sempre due strade: una giusta e una sbagliata. La prima all’inizio fa più paura, presenta più ostacoli ma dopo va in discesa. La seconda invece è l’esatto contrario. Bisogna avere forza d’animo ed oltrepassare le paure, non arrendendosi mai e cercando sempre il lato positivo e mostrare carattere».

Fonte: sslazio.it


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE