Analisi tatticaPrimo Piano

Inter-Shakhtar Donetsk: Conte perfetto senza cambiare, tutti al top per 90′

L’Inter prova a fare la storia e non risparmia lo Shakhtar Donetsk. Il 5-0 porta le doppie firme di Lautaro Martinez e Lukaku, intervallate dal solito D’Ambrosio. Avversari mai in partita, surclassati dal primo all’ultimo minuto. Handanovic tra i pali in versione capitano-spettatore. Prestazione collettiva perfetta, i singoli si esaltano solo alla fine. La squadra di Conte vola in finale contro il Siviglia. Ecco l’analisi tattica di Inter-Shakhtar Donetsk

PRESENTAZIONE PRE-PARTITA

FORMAZIONE – Ecco l’undici di partenza scelto da Conte per affrontare lo Shakhtar Donetsk: Handanovic; Godin, de Vrij, Bastoni; D’Ambrosio, Barella, Brozovic, Gagliardini, Young; Lukaku, Lautaro Martinez.

Inter-Shakhtar Donetsk Probabile formazione
Inter-Shakhtar Donetsk Formazione ufficiale

MODULO – Conte firma il suo personale poker tattico schierando la stessa identica Inter già vista contro Atalanta, Getafe e Bayer Leverkusen. Il 3-5-2 di fine stagione è una certezza proprio come lo era all’inizio, forse addirittura di più. La fisicità va di pari passo con il dinamismo e la tecnica.

RESOCONTO PARTITA

PRIMO TEMPO – La caratteristica dello Shakhtar è quella di non pressare, quindi nel primo quarto d’ora l’atteggiamento attendista degli ucraini permette all’Inter di impostare la sua manovra con calma. La cifra tecnica in campo è di qualità diametralmente opposta in difesa, reparto più sofferente per la squadra di Castro. Al 19′ Barella recupera palla sul tipico rilancio errato del portiere ucraino e va sul fondo, da dove crossa per la testa di Lautaro Martinez, puntuale nell’incornata che vale l’1-0. Dopo il vantaggio, l’Inter si limita a controllare gli attacchi dello Shakhtar, che inizia ad aggredire maggiormente per recuperare palla e arrivare a ridosso della porta difesa da Handanovic. I tentativi sono buoni, anche grazie alla rapidità della quota brasiliana nel pacchetto offensivo, ma di fatto l’Inter non soffre mai e le bastano pochi tocchi per ripartire. Basterebbe calciare di più in porta per mettere in difficoltà il 36enne Pyatov. Il primo tempo termina 1-0: il vantaggio firmato Lautaro Martinez è notevole pur essendo poco rispetto alle possibilità.

SECONDO TEMPO – Nessuna modifica di formazione nell’intervallo, ma cambia l’atteggiamento in campo. Così come a inizio partita, l’Inter torna a fare la partita con fraseggi palla a terra, sfruttando una fase un po’ confusa dello Shakhtar. Successivamente la squadra di Conte sceglie troppo spesso la via del lancio lungo dalla difesa per by-passare il centrocampo ucraino, sbagliando misura. Dopo un momento di appannamento tecnico e soprattutto di ritmo, l’inerzia della partita cambia definitivamente al 64′, quando D’Ambrosio di testa anticipa tutti su calcio d’angolo battuto da Brozovic per il 2-0. Al 66′ primo cambio per l’Inter: fuori Young, dentro Biraghi. Solita staffetta mancina. C’è solo l’Inter in campo. Al 74′ Brozovic recupera palla e la coppia Barella-Lukaku serve Lautaro Martinez, bravissimo a portarsela sul destro a giro con cui segna da fuori area. Lo Shakhtar si vede solo a metà campo per battere il nuovo calcio d’inizio. Al 78′ c’è gioia anche per Lukaku, che di piatto supera Pyatov su assist di Lautaro Martinez, bravo a sfruttare l’ennesimo “assist” della difesa ucraina. All’81’ doppio cambio per Conte: fuori D’Ambrosio e Lautaro Martinez, dentro Moses ed Eriksen. Staffetta sulla destra, mentre il danese si posiziona alla sinistra di Lukaku, come una vera (seconda) punta. All’84’ Lukaku mette la freccia sulla destra e di potenza va dritto in porta per la doppietta personale. All’85’ ultimo doppio cambio per l’Inter: fuori Brozovic e Lukaku, dentro Sensi ed Esposito. La squadra si riposiziona per gli ultimi cinque minuti (come da immagine sotto allegata, ndr). E per poco non ci scappa anche il sesto gol! Il secondo tempo termina 5-0: l’Inter si regala la finale di Europa League con un risultato tanto netto quanto storico.

Inter-Shakhtar Donetsk Formazione finale
Inter-Shakhtar Donetsk Formazione finale

CONSIDERAZIONI POST-PARTITA

PROTAGONISTA – Il migliore, quello che fa la differenza, non va sul tabellino: Conte. L’allenatore dell’Inter ha fatto una scelta prima di Bergamo e la sta portando fino a Colonia. Rispolverare il 3-5-2 e responsabilizzare sia i titolari sia le riserve (sempre preziosi i subentranti) è la mossa che regala all’Inter la sua prima finale europea dalla Champions League vinta nel 2010. Sono passati dieci anni ma a Conte ne è servito poco più di uno per far quadrare tutto senza stravolgimenti di mercato. L’Inter contro lo Shakhtar gioca la partita perfetta dal primo all’ultimo minuto, i cinque gol segnati sono addirittura pochi. Non cambiano gli uomini in campo ma le consegne tattiche di ognuno sono specifiche per avere la meglio su ogni avversario, temibile o meno. Chirurgico.

COMMENTO – L’Inter è in finale di UEFA Europa League contro il Siviglia. Basterebbe questo per riassumere Inter-Shakhtar Donetsk. Poi però va ricordata la componente tattica. Il capitano con i guanti che chiude con un’altra porta inviolata. La difesa a tre che non sbaglia un colpo. I tre mediani che corrono, recuperano palla e mandano le punte in porta. I due esterni a tutta fascia che fanno molta più quantità della qualità offerta, ma finché funziona (anche sotto porta…) perché cambiare? E cos’altro aggiungere sui due attaccanti, che segnano una doppietta a testa con naturalezza rara. Il tutto dopo una partita non brillante come al solito, anzi. Lautaro Martinez si sblocca con un gol “alla Crespo” e chiude la pratica Shakhtar con una giocata “alla Palacio”, per restare in Argentina. Lukaku si accende nel finale quando gli altri mollano ma il numero 9 interista ha ancora energie per sfondare la porta. Tradotto: è l’Inter di Conte. Una squadra che entra in campo per dominare e non esce finché il risultato non può essere migliorato, mantenendo alta la concentrazione e senza risparmiarsi in tutti i 90′ di partita. L’emblema di questa squadra, che sta concludendo la sua impronosticabile stagione “estiva” come una vera corazzata, è Barella. Dovrebbe essere “semplicemente” l’incontrista che ottimizza il lavoro dei compagni di reparto più dotati tecnicamente, invece è un factotum della linea mediana. E se Barella s’inventa anche l’assist con un cross dalla destra, allora siamo davvero davanti a un centrocampista totale. Un tuttocampista alla Conte. C’è tanto del tecnico in questa vittoria, troppo. C’è tutto di Conte in questa squadra. E l’auspicio è che venerdì sera lo faccia notare proprio chi ora sta rinunciando al ruolo di stella (Eriksen) in favore del collettivo affiatato. Peccato che il difficile debba ancora arrivare: la finale contro il Siviglia sarà una vera e propria battaglia calcistica, nulla a che vedere con gli ultimi tre “allenamenti” dell’Inter in terra tedesca. A Conte l’arduo compito di vincerla nuovamente dal punto di vista tecnico-tattico, cambiando o meno la formazione iniziale.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh