Focus

Il Cagliari di Mazzarri ha ritrovato la voglia di lottare per la salvezza

Il Cagliari di Mazzarri sta trovando diverse difficoltà in questo campionato. Il modulo di gioco può variara dal 4-4-2 al 3-5-2, ma i numeri parlano di una squadra che fatica in ogni fase di gioco.

TATTICAWalter Mazzarri per far ritrovare solidità al Cagliari ha impostato come modulo base un 4-4-2 di fisico e corsa. Gli esterni sono praticamente tutti terzini, con l’eccezione del jolly Nandez. In alternativa nelle ultime gare si è rivisto il suo classico 3-5-2, per cercare più densità in zona centrale. Il gioco si sviluppa principalmente sugli esterni, per lo più sulla destra, con molta ricerca dei cross. La manovra offensiva è nelle mano di Joao Pedro.

STATISTICHE – Il Cagliari sta vivendo un’altra stagione decisamente complicata. In classifica la squadra è terz’ultima ed è la quartultima difesa della Serie A con 30 gol subiti. Stessa posizione per i tiri subiti a gara, 15,9. Non che sia meglio l’attacco: i 17 gol segnati valgono il terzultimo posto in campionato e i 171 tiri prodotti (10,7 a gara) sono meglio solo di Salernitana e Venezia. Ben 10 delle reti sono arrivate a inizio secondo tempo, tra il 45esimo e il 75esimo. Lo stile di Mazzarri è impostato su difesa e ripartenze: il Cagliari è quart’ultimo per possesso medio col 42,4% secondo WhoScored e addirittura penultimo per tempo di possesso secondo la Lega Serie A. Attenzione al gioco aereo: con 5 gol segnati di testa i sardi sono quarti in A.

DETTAGLIAndrea Carboni in difesa sta prendendo sempre più leadership. Il classe 2001 è la prima fonte di gioco, e infatti è primo per passaggi a partita con 37,3, ma è anche irrinunciabile per fisico e corsa (terzo per km percorsi). Razvan Marin è il riferimento del centrocampo: secondo per passaggi medi, primo per passaggi chiave a partita, quarto per passaggi chiave in tutta la Serie A, primo per occasioni da gol, per assist e km percorsi. Mancherà Nahitan Nandez, il tuttofare di Mazzarri (vedi articolo): esterno a destra o a sinistra, con la difesa a quattro o a tre, o anche interno di centrocampo. Secondo per km percorsi, occasioni da gol e assist e primo per dribbling a gara. Sorprendente l’impatto di Dalbert Henrique, un favorito del tecnico. Sulla sinistra è un’arma fondamentale ed è secondo per passaggi chiave a gara. L’anima dell’attacco e dell’intera squadra è Joao Pedro. Miglior marcatore con 9 gol, primo anche negli assist e quarto per km percorsi, da metà campo in avanti fa praticamente tutto lui.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh