Analisi tatticaPrimo Piano

Inter-Empoli: Inzaghi aspetta e ha ragione, la testa (del Toro) è vincente

Inter-Empoli, dal dramma alla festa. Il 4-2 porta le firme di Lautaro Martinez (doppietta) e Sanchez, dopo l’autogol propiziato da Dimarco. La squadra di Inzaghi torna momentaneamente in vetta alla classifica di Serie A. E può focalizzarsi sulla Finale di Coppa Italia contro la Juventus. La prestazione a due volti fa parte di un finale di stagione deciso dalla testa. Di seguito l’analisi tattica di Inter-Empoli in Serie A

Pre-Game Analysis: la preparazione e le scelte di Inzaghi

FORMAZIONE – Ecco il 3-5-2 di partenza dell’Inter scelto da Inzaghi per affrontare l’Empoli in Serie A: Handanovic; Skriniar, de Vrij, F. Dimarco; Dumfries, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Perisic; Lautaro Martinez, J. Correa.

Inter-Empoli formazione ufficiale
Inter-Empoli formazione ufficiale

In-Game Analysis: lo sviluppo e la lettura della partita

HIGHLIGHTS – Nel primo tempo, al 5′ Pinamonti in scivolata anticipa Skriniar dopo un bel taglio in area di rigore, sfruttando al meglio l’assist di Zurkowski da destra (0-1). Poi all’11′ il VAR annulla il raddoppio dello stesso Zurkowski per un fuorigioco precedente. Al 15′ Barella tenta il gran gol colpendo solo il palo esterno ma anche in questo caso in fuorigioco. Dopo, al 24′ il VAR annulla il rigore assegnano per fallo su Barella perché Parisi colpisce prima la palla. E al 28′ Asllani si inserisce tra de Vrij e Skriniar, superando Handanovic con una conclusione sotto le gambe. Al 40′ l’autogol di Romagnoli sul cross di Dimarco da sinistra permette all’Inter di accorciare le distanze (1-2). Subito dopo, al 45′ ecco lo splendido gol di Lautaro Martinez di destro su assist di Calhanoglu da sinistra (2-2). Nel secondo tempo, al 64′ Lautaro Martinez segna un altro bellissimo gol, calciando di potenza la palla vagante dopo il “disimpegno” di Fiamozzi (3-2). Al 92′ il palo nega la gioia del gol a Dzeko. Infine, al 94′ Sanchez capitalizza al meglio l’assist dello stesso Dzeko da destra, chiudendo la partita (4-2).

MODIFICHE – Nella ripresa, sul 3-2, al 71′ arriva il triplo cambio dell’Inter: fuori Dimarco, Calhanoglu e Lautaro Martinez, dentro D’Ambrosio, Vidal e Dzeko. L’italiano agisce da terzo destro con Skriniar che si sposta sul centro-sinistra della difesa, il cileno dà il cambio al turco nel ruolo di mezzala sinistra e il bosniaco si piazza alla destra di Correa. Al 77′ il quarto cambio di Inzaghi: fuori Dumfries, dentro Darmian. Staffetta nel ruolo di quinto destro. All’82′ ecco il quinto e ultimo cambio nerazzurro: fuori Correa, dentro Sanchez. Staffetta in attacco con il cileno che oscilla su tutto il fronte offensivo partendo dalla destra (come da immagine sotto allegata, ndr).

Inter-Empoli formazione finale
Inter-Empoli formazione finale

Player Analysis: il singolo decisivo in Inter-Empoli visto ai raggi X

PROTAGONISTA – Prestazione enorme per il migliore in campo: Lautaro Martinez. La cattiveria con cui scaraventa il pallone alle spalle dell’ottimo Vicario vale il prezzo del biglietto a San Siro. E anche l’ammonizione gratuita rimediata per esultare togliendosi tutto di dosso. L’8 pieno (vedi pagelle di Inter-Empoli) riassume l’importanza della doppietta segnata dall’attaccante argentino, che fa ciò che non riesce ai compagni. Fare il record di tiri, ma non di gol, non è un dato positivo. C’è la firma e c’è la testa di Lautaro Martinez sul risultato ribaltato. Indomabile.

Post-Game Analysis: le considerazioni finali su Inter-Empoli

COMMENTO – L’avvio shock di Inter-Empoli è da attribuire principalmente al blackout difensivo di Skriniar e compagni. L’Empoli arriva con troppa facilità dalle parti di Handanovic, saltando il centrocampo, e anche al gol. Lo 0-2 iniziale sembra possa incrementarsi di minuto in minuto. Invece, l’Inter inizia a giocare proprio quando il dramma è nell’aria a San Siro. Le trame di gioco, al di là degli errori sotto porta, sono anche interessanti. Il problema, per una volta, è negli uno contro uno. Male gli attaccanti di Inzaghi, peggio i difensori. Finché non viene ribaltata completamente ogni cosa. In una partita simile, è il risultato che conta. Senza la vittoria, il voto insufficiente sarebbe stato comune. Invece gli unici bocciati sono i protagonisti in negativo dell’uno-due degli ospiti. Inzaghi ha ragione a non stravolgere nulla, aspettando che i suoi calciatori rinsaviscano. La formazione iniziale era quella giusta. I cambi non l’avrebbero migliorato. Anzi. L’Inter esce dal suo dramma sportivo da sola, grazie alla testa: la testa del Toro argentino ma non solo. I tempi di reazione sono un po’ tardivi ma da tre punti, che è l’unica cosa che conta.

OSSERVAZIONE – L’Inter fa il suo dovere, soffrendo troppo, ma poco importa. Spiegare lo 0-2 che diventa 4-2 è un esercizio inutile. L’Inter poteva solo vincere e l’Empoli ha fatto di tutto per renderlo più complicato possibile. Il tiro a bersaglio era pronosticabile. Così come la prestazione del sempre ottimo Vicario. I quattro gol segnati dall’Inter (anzi, tre più uno considerando l’autogol) non stupiscono. I due gol subiti facilmente all’inizio, invece, sì. A tre partite dalla fine, tra cui la Finale di Coppa Italia contro la Juventus, gli aspetti tecnico-tattici lasciano il tempo che trovano. Quello che succede in Inter-Empoli è solo questione di testa. Il blackout iniziale e la reazione finale dimostrano che l’Inter, nei 90′, è ancora padrona del proprio destino. Un’indicazione utile solo per Juventus-Inter, che potrebbe durare nuovamente più di 120′. In Serie A, invece, dipende tutto dal Milan. A due giornate dalla fine, il più è fatto: ora non tocca che aspettare e sperare in un (difficile) passo falso rossonero da zero punti. L’Inter di Inzaghi ha un obiettivo a portata di mano in quel di Roma contro la Juventus, poi si vedrà…

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh