Primo Piano

Calhanoglu: «Giocatori Inter più forti di quelli del Milan. Angoli? Vi dico…»

Hakan Calhanoglu ha fatto una lunga intervista sull’emittente turca S Sport. Il centrocampista nerazzurro ha parlato di tanti temi legati all’Inter nonché del trasferimento dal Milan

PASSAGGIO − Così Calhanoglu sul trasferimento all’Inter: «Tutti avevano aspettative troppo alte. Non era facile sostituire un attaccante come Lukaku e un esterno destro come Hakimi. Penso che abbiamo gestito bene questa situazione. I miei compagni di squadra mi hanno accolto molto bene mi sono abituato subito perché conoscevo già Milano. Conoscevo anche la lingua. Questo è stato molto importante per me. I miei compagni di squadra sono giocatori di altissima qualità. Penso che anche al Milan ci siano giocatori di qualità ma secondo me noi abbiamo giocatori migliori. Anche Inzaghi mi ha accolto benissimo. All’Inter, ho iniziato a giocare in un altro ruolo».

POSIZIONE − Sul suo ruolo all’Inter, queste le parole di Calhanoglu: «L‘anno scorso ho giocato da numero 10 al Milan, quest’anno gioco principalmente come 6 e 8. Come si può vedere sul campo, cambiamo posizione. Questo per me è favorevole perché non amo giocare di spalle la porta. All’Inter sono più vicino al gol, per me è più facile. Faccio fatica ad affrontare la porta, sinceramente ci sono giocatori di ottima qualità in Serie A. Il mio ruolo nell’Inter mi facilita il lavoro. Infine sei volte in Nazionale ho giocato in quel ruolo nel 4-4-2 di Stefan Kuntz. Mi sta molto bene perché mi piace prendere palla da dietro e giocare».

SEPARAZIONE E GOLCalhanoglu ritorna sull’addio al Milan e sulla rete nel derby: «Quando mi sono trasferito all’Inter, ho avuto diverse reazioni. Ho passato un periodo difficile. Il Milan non ha potuto partecipare alla Champions League per sette anni ed io ci ho provato tanto. Potrebbero essere diversi i motivi della separazione, ma il Milan non si è spiegato. Non è stato facile per me. Adesso sono un giocatore dell’Inter. Ero felicissimo quando ho segnato al derby anche perché avevo addosso diverse pressioni ed è per questo che ero così felice».

CALCI PIAZZATICalhanoglu sui tiri da fermo: «Lavoriamo molto sugli angoli così come sui calci piazzati. Abbiamo tre zone sugli angoli: diciamo il primo palo, il punto di rigore e la parte posteriore. In genere cerchiamo al primo palo i nostri giocatori in modo che colpiscano di testa. Li abbiamo sempre valutati bene. Abbiamo avuto molto successo in questo senso».

TIRI DA FUORI − Questo il commento del turco sulla specialità della casa: «Non posso mai paragonarmi a Messi, ma essere dietro di lui è un onore speciale. È un piacere per me essere il capocannoniere con Messi da fuori area. Cerco sempre di tirare. La mia specialità è tirare da fuori dall’area di rigore».

LIVERPOOL − Infine, il nerazzurro ha parlato anche dell’ottavo di Champions League: «La partita contro il Liverpool sarà difficile, è un avversario molto forte. Ma abbiamo fatto bene contro il Real Madrid sia a San Siro che fuori casa, ma abbiamo perso, purtroppo. Analizzeremo gli errori. Sono molto curioso anche per il match con il Liverpool, spero che passeremo il turno».

Fonte: Sahadan.com

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button