Mondo Inter

Compagnoni: «Pioli sull’Inter? Onesto! Inzaghi ribalti una situazione»

L’Inter di Inzaghi ha battuto l’Atalanta portando a +12 il distacco dalla Juventus seconda in classifica e +16 sul Milan terzo. Proprio il tecnico dei rossoneri, Pioli, ha praticamente già assegnato lo scudetto ai nerazzurri. Compagnoni, intervenuto a Sky Sport, non capisce il rumore intorno alle sue dichiarazioni e invita a Inzaghi a ribaltare un’abitudine

RUMORE PER NULLA – L’Inter di Simone Inzaghi ha già chiuso il discorso scudetto con la vittoria contro l’Atalanta? Secondo Stefano Pioli sì e Maurizio Compagnoni segue a ruota: «C’è stato molto rumore intorno alle parole di Pioli, ma penso che non abbia ragione di esistere perché Pioli con estrema onestà intellettuale ha detto una cosa che tutti sappiamo. E secondo me non c’era nemmeno bisogno della partita con l’Atalanta. La corsa scudetto è finita da un pezzo perché l’Inter è la più forte di tutte. Poi è chiaro che Boskov direbbe che lo scudetto c’è quando arriva la matematica certezza, però insomma… Se tu mi dici di puntare mille euro sull’Inter che perde lo scudetto ed è pagata a cento io me li tengo quei mille euro. Ripeto, sono 12 punti dalla Juventus ed è una supremazia clamorosa: come può non vincere lo scudetto l’Inter?».

SECONDE LINEE – Compagnoni parla poi delle assenze pesanti che non sembrano pesare in casa Inter: «Ieri mancavano Calhanoglu, Acerbi e Thuram. Le seconde linee stanno dimostrando di essere affidabili, alcuni faccio fatica a considerarle delle riserve: per esempio Dumfries e Frattesi. Asllani bene ma è chiaro che Calhanoglu in quel ruolo è uno dei migliori in circolazione. Il migliore in assoluto non lo so, ma sicuramente è tra i primi tre/quattro. Fino a questo momento, forse anche pungolato dall’idea di arrivare alla seconda stella, Inzaghi ha fatto più turnover in Champions League con i titolari in campionato. Adesso deve ribaltare la situazione, il turnover in campionato e i titolari in Champions League».

INTER, PROVACI! – Prosegue Compagnoni: «La stella è importantissima, ma l’Inter la Champions può vincerla. La squadra di Inzaghi è molto più forte di un anno fa, ora non la vedo inferiore a nessuno. Lo stesso Bayern Monaco non è in una situazione semplice, il Barcellona non è quello di un tempo e il Real Madrid non è un rullo compressore. Il Manchester City è forte ma non come un anno fa. L’Inter ha un’occasione straordinaria, è dura perché le avversarie sono tante e fortissime, lo stesso Atletico Madrid non è una passeggiata. Però se dovesse superare il turno secondo me è giusto che inizi a fare turnover in campionato perché oltre alla stella può fare un’accoppiata clamorosa».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Se sei un interista vero, allora non puoi fare a meno di entrare nella famiglia Inter-News.it diventando a tutti gli effetti un membro attivo del nostro progetto editoriale! Per farlo basta semplicemente compilare il form di iscrizione alla nostra Membership - che è rigorosamente gratuita! - poi a contattarti via mail per darti tutte le istruzioni ci penseremo noi dopo il ritiro della INs Card personale! E se nel frattempo vuoi chiederci qualsiasi cosa, non perdere altro tempo: contattaci direttamente attraverso la pagina dedicata, che puoi raggiungere dal nostro sito come sempre con un click.


Articoli correlati

Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato!

Abbiamo notato che sta usando un AdBlocker. INTER-NEWS.IT sostiene spese ingenti di personale, infrastrutture tecnologiche e altro e disabilitando la pubblicità ci impedisci di guadagnare il necessario per continuare a tenerti aggiornato con le notizie sull\\\\\\\\\\\\\\\'Inter. Per favore inserisici il nostro sito nella tua lista di esclusione del tuo AdBlocker.

Grazie.