Inter, tifosi in protesta. Banda Bagaj: “Fuori dal Meazza, puntiamo il dito…”

Articolo di
13 Gennaio 2019, 15:33
Condividi questo articolo

Tramite un comunicato sulla propria pagina “Facebook”, l’Inter Club “Banda Bagaj”, gruppo organizzato della tifoseria nerazzurra, ha voluto protestare contro la chiusura dello Stadio Meazza dopo i fatti della sfida contro il Napoli. Di seguito il testo integrale

DITO CONTRO TUTTI – E siamo ancora qua… eh già… Sono trascorsi più di dieci anni dalla morte di Raciti, e nonostante una legge speciale con inasprimento delle pene, biglietti nominali, tessera del tifoso, tornelli e telecamere, siamo di fronte alla chiusura dello stadio. I tifosi di tutta Italia da oltre dieci anni si sorbiscono questo trattamento… verrebbe da dire… inutilmente. Oggi noi vogliamo puntare il dito su TUTTI!!! E soprattutto su di noi, perché se si vuole fare un’analisi oggettiva si deve sempre partire da se stessi. Ma andiamo per gradi, su chi vogliamo puntare il dito?

ISTITUZIONI –  Dopo dieci anni di insuccessi possiamo dire che la gestione di questi fenomeni è stata un fallimento? Ma vediamo perché. Le restrizioni imposte ai tifosi non hanno minimamente scalfito i fenomeni della violenza e del razzismo. Forse perché la storia ci insegna che certi fenomeni non si possono sconfiggere solo con regole repressive? Forse perché per cambiare certe abitudini si deve cambiare la cultura delle persone e questo è un percorso lungo che in Italia non si è ancora cominciato a fare? Vogliamo dire che in una società dove c’è uno scontro sociale quotidiano legato all’immigrazione, pensare che allo stadio poi non si manifesti lo stesso disagio è pura utopia? Facciamo le educande allo stadio e poi su tutti i media vediamo politici ed intellettuali litigare sull’accoglienza o sul respingimento degli stranieri? Lo stadio è uno spaccato della società, il che non vuol dire che non ci si debba porre come obiettivo il superamento delle discriminazioni, ma si deve capire che la strada da seguire è un’altra. Sentiamo spesso tirare in ballo “il modello inglese”. Ma lo vogliamo dire anche che il modello inglese non ha per nulla eliminato il problema della violenza ma lo ha semplicemente spostato lontano dalle telecamere? In Inghilterra gli scontri avvengono tutt’ora solo che la Polizia impedisce che avvengano nelle immediate vicinanze dello stadio. Almeno gli inglesi sono stati pragmatici: hanno puntato ad un obiettivo raggiungibile e lo hanno raggiunto… Le nostre istituzioni invece si divertono a fare la Hit parade dell’insulto, cercando di stabilire quale insulto sia tollerabile e quale invece non vada accettato. Di conseguenza se grido “vaffanculo” ai tifosi avversarii, essendo ormai questo termine, seppur volgare, comunemente accettato non riceverò punizioni. Stesso dicasi se insulto i Sampdoriani per il mare inquinato o se appioppo a tutti i bergamaschi l’etichetta di contadini. Si può anche gridare Milano in fiamme, basta lasciare in pace Napoli e i napoletani che godono di maggiori tutele rispetto agli insulti… e soprattutto non scadere negli hu hu ai giocatori di colore he non è politicaly correct. Restano invece grosse indecisioni quando si tirano in ballo i morti (Superga, Heysel) Sui cori si transige, sugli striscioni no. Come dire che non è il contenuto che conta, ma la forma orale o scritta. Ma vi rendete conto dell’assurdità della cosa?
Quello che vogliamo dire è che in una logica di sportività si dovrebbe intraprendere una battaglia contro gli insulti in genere, e non tollerarli per poi indignarsi su quelli più di cattivo gusto. Sta qui il limite delle istituzioni.
Se culturalmente l’insulto allo stadio lo accetti, diventa poi difficile fare la classifica dei migliori e dei peggiori. Il cattivo gusto è soggettivo…

POLIZIA – Se gli scontri del 26 dicembre fossero avvenuti a Pioltello, saremmo tutti d’accordo nel dire che non era possibile presidiare tutta Milano. Ma la realtà è che gli scontri sono avvenuti a poco più di un chilometro dallo stadio; lungo quella strada che è l’arteria principale da cui, provenendo dalla tangenziale, si arriva a San siro. La partita era a rischio, visto che c’erano già stati diversi episodi negli anni precedenti tra le due tifoserie. Possiamo quindi dire che il sistema di controllo e prevenzione ha totalmente fallito? O si fa peccato?

ULTRAS – Non faremo il solito discorso perbenista su cosa sia giusto o sbagliato. Non faremo l’errore che commettono le istituzioni e i media di pensare a quanto sia stupido picchiarsi per una partita di pallone e ridurre il tutto a questo. E sapete perché? Perché se le istituzioni e i media pensano che lo scontro avvenga per una partita di calcio significa che non hanno capito niente!!! Ed è grave considerando che trattano l’argomento da decenni. Vuol dire che nessuno si è mai posto l’obiettivo di capirlo questo fenomeno ultras. Certo è più facile trattarlo con sufficienza e superficialità, ma non è il nostro caso. Noi siamo contrari ad ogni forma di violenza, ma il dito sugli ultras non lo puntiamo perché non condividiamo e non capiamo il loro spirito guerriero, Il dito sugli ultras lo puntiamo per quello che loro stessi sostengono a gran voce come motto: RISPETTO GENERA RISPETTO.
Ecco, allora cominciate a rifarvi a questo motto, vivendo le vostre pulsioni nel pieno e totale rispetto di chi non condivide il vostro spirito, evitando di giocare a fare la guerra coinvolgendo in questo chi, a ragion veduta, della vostra guerra non ne vuole sapere nulla. Non si può rivendicare nulla se poi si creano situazioni di pericolo in mezzo alla gente. Questa non è mentalità ultras, è vandalismo.

SOCIETÀ – Cosa ci saremmo aspettati dalla società? Rispetto. Semplicemente questo. Rispetto per chi quei cori non li ha cantati; rispetto per chi da anni accetta tutta questa inutile burocrazia legata all’acquisto dei biglietti solo per passione. Rispetto per chi spende i propri soldi a inizio anno per abbonarsi.
Abbiamo apprezzato il comunicato diretto e chiaro con cui subito dopo quanto è accaduto ha preso le distanze da posizioni razziste. Ma ci saremmo aspettati anche una tutela per chi si è visto punire senza aver fatto nulla. Per chi agli occhi dell’opinione pubblica è passato per razzista e per violento.
Noi pretendiamo rispetto!!! Il ricorso era doveroso per difendere la dignità di chi è stato messo suo malgrado nel calderone. Nessuno avrebbe preteso che si riuscisse a ribaltare questa incoerente decisione di punire tutti perché non si è in grado di punire i colpevoli. Ma che almeno la società si spendesse a difesa dei suoi tifosi sottolineando che non tutti hanno preso parte a quei cori e che quindi la chiusura è totalmente ingiusta ed offensiva nei nostri confronti ce lo saremmo aspettati. E questo silenzio ci ha proprio delusi.

AUTOCRITICA – Infine puntiamo il dito contro di noi che in tutti questi anni non abbiamo fatto abbastanza per diffondere una cultura di tifo diversa; noi che in questi anni non abbiamo avuto il coraggio di confrontarci con le curve cercando di conoscerci e di trovare punti in comune; perché alla fine condividiamo tutti la stessa passione; noi che abbiamo accettato passivamente pur pensando che fossero soluzioni farlocche, volte solo a mettere a tacere l’opinione pubblica, biglietti nominali, tornelli e tessere, complicandoci inutilmente la vita; noi che siamo entrati nel loop della hit parade dell’insulto senza capire che la svolta sarebbe quella di vivere l’antagonismo canoro sugli spalti facendo eventualmente l’uso dello sfottò e non dell’insulto. Oggi vogliamo ribadire il nostro essere contro ogni forma di razzismo e contro ogni forma di violenza. Oggi vogliamo dire che siamo contro queste punizioni inutili e qualunquiste. Oggi vogliamo dire basta a tutto questo!!! Oggi vorremmo che fosse un punto di svolta. Un momento in cui tutti possiamo guardarci allo specchio ed ognuno possa ripartire cercando di rimediare per il futuro ai propri sbagli.

Oggi ci tocca stare fuori… speriamo sia l’ultima volta…
INTER CLUB BANDA BAGAJ




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.