Zenga: “Lautaro Martinez, l’Inter non ha bisogno di 110 milioni! UEFA ’94…”

Articolo di
29 Aprile 2020, 00:34
Walter Zenga
Condividi questo articolo

Zenga ha concluso il suo intervento a “Sportitalia Mercato” soffermandosi soprattutto sull’Inter attuale e su Lautaro Martinez. L’allenatore del Cagliari, dopo aver parlato della Serie A (vedi articolo) e di Nainggolan (vedi articolo), è dell’idea che l’argentino dovrebbe rimanere.

DA TENERE – Per Walter Zenga l’Inter dovrebbe cercare di reggere gli assalti da Barcellona: «Considerando che Romelu Lukaku e Lautaro Martinez quest’anno hanno fatto non dico la perfezione ma quasi, perché si sono trovati quasi a occhi chiusi, e considerando che il campionato si è fermato andrei su un profilo che possa integrare loro due. Questo considerando che l’Inter probabilmente andrà in Champions League e avrà un sacco di partite da giocare. Detto questo non credo che né Steven Zhang né l’Inter abbiano bisogno dei centodieci milioni (della clausola, ndr). Soprattutto ritengo che, se questo campionato si giocherà con le prossime tredici partite o no, ci saranno valutazioni totalmente differenti da quelle che possiamo fare».

PERCHÉ SOSTITUIRLO? – Zenga è scettico sull’addio del Toro: «Cambiare con chi? Lautaro Martinez è forte, in crescita. Quando ero andato a trovare Luciano Spalletti all’Inter e ancora non giocava mi disse che per lui era un 9 fantastico, perché è forte, difende bene la palla e ha forza sulle gambe. Pensavo che Lautaro Martinez potesse essere differente da quello che è diventato, poi le valutazioni le farà Antonio Conte che non è il presidente del Consiglio ma l’allenatore dell’Inter. È sempre difficile entrare nelle dinamiche di un’altra squadra, soprattutto perché non conosci le situazioni e la mentalità dell’allenatore, non sai cosa cerca Conte. I centrocampisti dell’Inter quest’anno erano partiti molto bene: Nicolò Barella e Stefano Sensi avevano, soprattutto all’inizio, fatto molto bene. Cito la partita a Barcellona, anche se persa, poi ha recuperato Matias Vecino. Sicuramente deve fare qualcosa, ma entrare nel merito di cosa per me diventa difficile».

DA LAUTARO MARTINEZ AL PASSATO – Zenga chiude con un aneddoto sulla Coppa UEFA vinta nel 1994, dove l’Inter in semifinale superò il “suo” (ora) Cagliari: «Noi avevamo perso 3-2 qui a Cagliari, poi abbiamo vinto 3-0. Però in quel momento il Cagliari era arrivato a quella semifinale un po’, tra virgolette, stanco. Se non sbaglio non erano messi benissimo in classifica, se non ricordo male: ho visto recentemente gli highlights della partita di San Siro, l’allenatore Bruno Giorgi disse a fine partita che erano stanchi e che se all’Inter mancavano due giocatori non erano stati all’altezza del Cagliari normale. Però erano una buona squadra. In questa partita credo che mancasse Massimiliano Allegri».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE