Primo Piano

Zanetti: «Inter ha grandi problemi finanziari. Super Lega? Un errore!»

Zanetti ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di La Nacion. L’ex capitano dell’Inter, oggi vice presidente, parla con estrema sincerità della situazione finanziaria dell’Inter ma anche del progetto, naufragato, della Super Lega. Di seguito la prima parte della sua intervista

CAMBIAMENTI – Javier Zanetti parla dei tanti cambi di proprietà affrontati dall’Inter post Massimo Moratti: «Per l’Inter sono stati anni molto complicati. Da quando mi sono ritirato, nel 2014, abbiamo cambiato proprietario tre volte. È molto difficile, quindi, trovare stabilità e affermare un progetto. Ti adatti a una nuova proprietà che arriva con idee diverse, orizzonti diversi. Con un’altra visione. Devi adattarti a tutto questo e nello stesso tempo competere: da qualche parte ci perdi. Penso che anche questo titolo arrivi a confermare che se dai continuità a un lavoro, ecco perché sottolineo il ciclo biennale, arrivano i risultati. Ecco perché il grande merito anzi, tutto il merito, spetta a Conte e ai giocatori».

PROBLEMI – Zanetti prosegue parlando dei problemi economici del club: «È vero che a metà stagione il club poteva essere venduto. Ha attraversato e sta attraversando grandi problemi finanziari. Non siamo gli unici ad avere problemi, ovviamente, perché la pandemia ha generato molti deficit. Ma è vero: come società dobbiamo ancora migliorare. Il lavoro dell’allenatore e dei giocatori è stato molto buono, ed è visibile: finalisti di Europa League e campioni di Serie A in due anni, ma allo stesso tempo il club deve aspirare a qualcosa di più. Il club deve migliorare molti meccanismi, questa è la realtà».

TEMPI – Zanetti prova anche a dare dei tempi: «I problemi finanziari continuano. E potrebbero volerci un paio d’anni per ritrovare l’equilibrio. Bisognerà che la gente torni negli stadi perché tu come società possa accontentare gli sponsor. Solo quando torneremo alla normalità cresceremo di nuovo. Oggi la situazione è complicata, non c’è motivo di nasconderla ma almeno con la felicità di aver vinto il campionato. Anche se questo deve essere il punto di partenza per fare il passo successivo. Dovrebbe essere la base solo se vuoi davvero costruire un progetto che duri nel tempo. Ma dipenderà molto da noi come società sportiva: dovremo essere molto chiari sul futuro. Le entrate televisive sono importanti, ma non puoi dipendere solo da questo. Devi avere una strategia che ti permetta di crescere a livello globale, valorizzare il brand e includere sempre progetti social. Tutto questo deve portarti ad essere sostenibile nel tempo, che è la sfida più difficile per tutti i club».

PROGETTI – Immancabile un commento di Zanetti sul nuovo stadio ma anche sulla Super Lega: «Il nuovo stadio? È un argomento di cui si parla da due o tre anni e stiamo ancora aspettando di definire tutto. È un progetto congiunto con il Milan, ma i permessi dipendono dal comune e da una commissione che non finisce mai con la sua analisi. La pandemia, probabilmente, non ha aiutato per tutte le perdite che ha portato. Super Lega? È durata così poco… La risposta è stata data dal tifoso di calcio. E non solo i tifosi dei 12 club fondatori, ma tutti gli appassionati di calcio. È stato un errore e bisogna imparare dagli errori. Questo è stato un errore, senza dubbio, ma sicuramente aiuterà la FIFA, la UEFA e tutti i principali organi di calcio, insieme ai club, a mettersi insieme e cercare di trovare modi per migliorare il calcio».

Fonte: lanacion.com – Cristian Grosso

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button