Spalletti a Sky: “Serviva più qualità nella gestione, troppe palle perse”

Articolo di
19 Gennaio 2019, 22:59
Spalletti-SKY Spalletti-SKY
Condividi questo articolo

Luciano Spalletti ha parlato a Sky Sport al termine dell’anticipo di San Siro tra Inter e Sassuolo, pareggiato per 0-0 dalle due squadre; i nerazzurri iniziano così il girone di ritorno conquistando un solo punto.

«Io dico poco dominio del gioco perché abbiamo perso spesso palla dopo averla riconquistata. Noi abbiamo pressato bene e riconquistato tanti palloni e quando riconquisti un numero così alto di palloni nella loro metà campo con loro aperti che tentano di giocarla sempre devi essere più bravo a ricreare l’opportunità per impedirgli di fare una fase difensiva completa: noi abbiamo riconquistato e nel tentativo di sviluppare l’abbiamo subito ripersa per cui non abbiamo esibito fino in fondo quella qualità di differenza che probabilmente ci doveva essere. Abbiamo fatto probabilmente meglio in fase difensiva, qualcosa in mano in fase offensiva dove in alcuni momenti come squadra ci siamo arrivati e in altri ci siamo fatti vedere poco puntando poco la linea difensiva. La colpa è di entrambi i reparti però poi la differenza la fa sempre la gestione della palla e sotto quell’aspetto non si è avuta quella qualità che si deve avere contro squadre che corrono e che sono ordinate come il Sassuolo perché poi quando abbiamo portato più uomini in avanti e sbagliato ad andare a pressare loro sono ripartiti negli spazi e abbiamo anche avuto paura nel senso che hanno creato anche loro delle opportunità. Noi vediamo il bicchiere sempre mezzo pieno andando ogni volta a cercare di migliore: non si è potuto avere un soffocamento continuo proprio per le palle perse in maniera banale che poi ci hanno costretto a fare rientri di 70-80 metri e quello lì poi lo paghi. Se invece quando recuperi la gestisci facendola girare anche una volta in più prendi le misure, scegli e ti posizioni nella metà campo avversaria e intanto cerchi la giocata più qualitativa e più interessante e invece noi: due passaggi, un recupero, due passaggi e ripersa. Un recupero, tre passaggi e rimessa in discussione… è così si è evidenziata una scarsa maturità in quella che doveva essere la gestione e le scelte di questi palloni. Europa League fondamentale per la crescita della squadra? Secondo me anche il campionato perché non è che si sia così tranquilli come vorrebbe alludere lei chiamandola comfort zone. Le altre squadre crescono e ci vengono a montare addosso se non fai risultato per due partite. È sempre il giochino di quello che sono le aspettative che si creano. Questa squadra deve ancora crescere, consolidare, lavorare, guadagnarsi questa qualificazione in Champions e poi dobbiamo fare bene anche in Europa League e Coppa Italia che sono competizioni che ci permettono poi di andare a fare conoscenze che per molti giocatori sono cose nuove e noi le dobbiamo fare e far bene come la Champions dove non abbiamo mai preso imbarcate grosse o fatto partite bruttissime anche se poi esci fuori e ti si buttano tutti addosso perché si creano quelle aspettative lì però il comportamento è stato fatto corretto da una squadra che si affacciava a quella competizione lì dopo tanti anni e in un girone con squadre forti senza farsi intimorire e anzi, siamo stati anche sfortunati. È questo lo dobbiamo fare anche in Europa League tentando di andare il più avanti possibile anche in Coppa Italia visto che il campionato lo rivince la Juventus e quindi andando anche solo in finale si può giocare poi la Supercoppa perché funziona così per cui abbiamo bisogno come ho detto ieri di tentare a rivincere un titolo perché sono tanti anni che non succede e per la storia dell’Inter non va bene. I bambini allo stadio? Era bellissimo perché si sentivano le urla di felicità per le due squadre perché non chiamavano solo l’Inter e quindi è stata veramente una festa di tutti».



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




<!--//<![CDATA[ var m3_u = (location.protocol=='https:'?'https://servedby.publy.net/ajs.php':'http://servedby.publy.net/ajs.php'); var m3_r = Math.floor(Math.random()*99999999999); if (!document.MAX_used) document.MAX_used = ','; document.write (""); //]]>-->

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.