Spalletti a Sky: “Fallo di Dimarco clamoroso ma l’Inter deve fare di più”

Articolo di
15 settembre 2018, 17:37
Spalletti-SKY

Luciano Spalletti ha parlato a Sky Sport dopo la sconfitta per 0-1 subita a San Siro contro il Parma grazie al gol realizzato da Federico Dimarco, terzino di proprietà proprio dell’Inter che rimane così ferma a quattro punti.

«Questa cosa di D’Ambrosio ci crea qualche problema perché avevamo fatto attenzione a non far giocare titolari sia lui che Asamoah. C’è da vedere quello che succederà, abbiamo la possibilità di mettere Skriniar largo che ha tenuto Gervinho perché ha corsa, piede e interpretazione, giocatore molto positivo e che si può prendere le responsabilità ma possiamo anche giocare con la difesa a tre. Essendo l’Inter che gioca a San Siro davanti a un pubblico così numeroso e perde subito due partite diventa difficile trovare scuse e motivazioni perché noi dobbiamo fare di più ed è chiaro che ho delle responsabilità perché se l’Inter propone questo, anche se per larghi tratti abbiamo fatto bene permettendo solo un paio di ripartenze, dobbiamo fare di più. Il fallo di mano di Dimarco? Clamoroso. Non so come funziona ed è veramente clamoroso perché la devia col braccio. Palla deviata nettamente. Quello che mi dispiace è che loro (il Parma ndr) sono entrati in campo per fare ostruzionismo col loro portiere che ha perso tempo. Però noi dobbiamo fare di più, non c’è dubbio. Queste partite devono passare da quella che è la differenza di qualità, ma non vedo neanche quella presunzione che a volte crea questa differenza di rendimento: i miei sono ragazzi moderati e modesti nel modo di fare. A volte si fa un po’ di confusione come nella ripresa per il tentativo di metterci qualcosa di più. Quell’atteggiamento lì dipende anche dal voler fare qualcosa di più e poi gli avversari trovano dei vantaggi. Dimarco è stato bravo a segnare quel gol lì. A che punto è l’Inter? Noi oggi fino al gol siamo stati lì, ci siamo un po’ insabbiati al limite dell’area perché non siamo stati precisi, fortunati e determinati sbagliando troppi palloni facile per la qualità che abbiamo. Politano sembrava stanco, è un qualcosa che avviene a livello di tensione che ti limita facendotela sentire tutta addosso. Alcuni hanno avuto crampi ma non per scarsa preparazione ma per la tensione, volevano provare a vincere. Abbiamo qualcosa che si è messo un po’ di traverso però effettivamente dobbiamo essere bravi ad analizzarla in maniera corretta e andare a raspare più in fondo su quelle che sono le nostre possibilità perché comunque abbiamo possibilità superiori e naturalmente, come ho detto prima, io sono il responsabile perché se i giocatori rendono in diversi al di sotto del proprio massimo il lavoro dell’allenatore si può mettere in discussione».







ALTRE NOTIZIE