Spalletti a MP: “Ci è mancato un po’ di spirito”

Articolo di
5 gennaio 2018, 23:53
Spalletti

L’Inter ha mancato ancora il ritorno alla vittoria facendosi raggiungere nel recupero dalla Fiorentina, capace di pareggiare l’iniziale vantaggio nerazzurro siglato da Mauro Icardi. Il tecnico Luciano Spalletti ha parlato ai microfoni di Mediaset Premium

TANTE SITUAZIONI SFORTUNATE- “Questa settimana ce ne sono successe diverse, c’è stata l’influenza che ha colpito Nagatomo e mi ha tolto un altro giocatore in difesa, Ranocchia ha giocato col dolore al costato e ci ha dato la massima disponibilità. La squadra poi in alcuni momenti perde qualche pallone troppo facile e si crea delle difficoltà di potenzialità e di forza, oltre a mancarci un po’ di spirito, un po’ di forza nelle situazioni e nei duelli, un po’ di difficoltà ce l’abbiamo perché non sono le nostre caratteristiche. Eravamo riusciti a passare in vantaggio, loro hanno fatto questo forcing finale dove ci hanno messo in difficoltà e pareggiato meritatamente, prima però c’era stata la possibilità di crearlo il pallone del 2-0, loro si erano sbilanciati, non abbiamo concretizzato: è andata così”

ROSA CORTA- “Se dico che questi non sono buoni poi negli spogliatoi ci devo andare io, che volete da me? Giudicatela come vi pare. Ora siamo in difficoltà numerica, per cui che devo fare? Gli dico che non sono buoni? Che ne voglio degli altri? Voi giudicate, io devo lavorare, poi ci si prende delle responsabilità, però è chiaro che qualche difficoltà è sotto gli occhi, Nagatomo ha avuto la febbre fino a ieri ed è entrato in campo, in questo momento la condizione è quella lì, Ranocchia ha preso due imbucate dove aggrediscono e sente la fitta alla schiena, le ha dovute subire, ha male, ma non ce ne sono altri giocatori: mi dite sempre le stesse cose, lo potete valutare anche voi che manca un centrale difensivo”

IL CALO DOPO IL VANTAGGIO- “Non si è più riusciti a giocare palla con qualità, siamo usciti quelle 2-3 volte che siamo ripartiti e si poteva raddoppiare, sono capitate quelle due palle come quella di Cancelo che doveva servire prima Mauro, poi quella di Borja Valero che poteva riuscire a fare il pallonetto di testa, l’azione di Candreva, ci sono state le possibilità. Non ci siamo riusciti, loro hanno cominciato a forzare, poi non si è più mantenuto le distanze, siamo finiti dentro l’area di rigore troppe volte, ci sono saltati addosso, qualche volta Nagatomo è riuscito a ripartire e l’hanno ripreso. Alcune mischie le abbiamo subite, in alcune siamo stati fortunati, nell’altra no”.







ALTRE NOTIZIE