Spalletti a ITV: “Il collettivo cresca. João Cancelo non butti via”

Articolo di
28 gennaio 2018, 15:26
Luciano Spalletti

Ultima intervista di giornata per Luciano Spalletti, che ha chiuso il post partita a Inter TV. Al canale tematico ufficiale nerazzurro il tecnico ha commentato la partita contro la SPAL.

ADESSO SVEGLIA«Ora ci sono molte cose che vanno nella direzione che si vede, cioè non si riesce più a fare una qualità importante e non si riesce più a essere una squadra che lotta, tosta dal punto di vista fisico e con carattere. Dipende dalla somma dei risultati precedenti e questa aumenterà sempre, non è che si possa trovare la soluzione con un particolare, una formazione o un uomo. È proprio il collettivo che deve crescere e reagire in questi momenti. Io ho partecipato nei momenti dove non si riesce a esibire la qualità che il momento vuole, qualità non solo di tecnica e giocate ma di fisicità, contrasto e scelta, di forza mentale, partecipo a quelle situazioni lì. Non che vada a cercare di manovrare la squadra, in alcuni momenti siamo gli stessi dell’inizio del campionato, in altri si abbassa il livello delle giocate e del contrasto, si perde qualche impatto e a volte anche il pallone banale e timido. Ci stanno questi alti e bassi all’interno della partita, determinano un certo nervosismo perché non si riesce a vincere e aumentano un po’. Si cerca sempre di portarla avanti per le caratteristiche che ci vogliono, non è ben definito che ci manchi questo o quello, ci manca di lievitare a livello collettivo per quei comportamenti che bisogna avere all’interno della partita stessa. Ci proiettiamo a dover fare più punti possibili in tutto ciò che passa, perché le altre vanno forte e ora abbiamo perso terreno, ora gli altri ci vanno addosso. João Cancelo a sinistra? Domenica mi è stato anche chiesto perché Danilo D’Ambrosio a sinistra rende meno. Non ci sono problemi, sono due giocatori duttili che possono giocare da ambo le parti. Oggi ho anche pensato di cambiarli nelle posizioni, ma c’era Éder Citadin Martins e bisognava fare una fase difensiva più tosta. Cancelo deve perdere qualche pallone di meno come nel primo tempo, quando si ha un bel sinistro e si perdono palloni facili si butta via quanto fatto».







ALTRE NOTIZIE